Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


07/30/2021
HomeCalcioEccellenza, L’Aquila chiude con una manita contro il fanalino Lanciano: 5-0

Eccellenza, L’Aquila chiude con una manita contro il fanalino Lanciano: 5-0

Nell’ultima giornata del campionato di Eccellenza i rossoblù battono il fanalino di coda Lanciano con un perentorio 5-0: in rete Maisto, Micciché, Pellecchia, Venneri ed Irti.

Mister Bolzan è costretto a rinunciare agli indisponibili Domingo Dalmasso, Di Norcia, Bisegna, Altares Diaz, Di Paolo, Cianfrini e Lenoci. Defezioni importanti anche per il collega frentano Di Pasquale che si presenta al ‘Gran Sasso d’Italia’ con appena 17 elementi, privo di portiere: ad indossare i guantoni è il difensore La Barba.

Pallino di gioco sempre in mano ai rossoblù: al 3′ traversone dalla destra di Fonti che viene allontanato da La Barba, trovando poi la risposta di Micciché che spedisce alto. Si tratta del preludio al vantaggio che giunge pochi istanti più tardi: Maisto controlla un cross di Kras e di mancino calcia a rete. La risposta degli ospiti si materializza al 13′ con Di Benedetto che serve Marfisi, la cui conclusione non inquadra lo specchio della porta. Al 30′ il tiro a giro di Micciché viene respinto da La Barba, mentre al 33′ azione personale di Fonti che serve Rosano, il cui tiro viene murato da Surugiu. Il raddoppio arriva al 41′: Fonti innesca Micciché il quale supera La Barba e deposita il pallone in fondo al sacco. Prima di far rientro negli spogliatoi, L’Aquila trova la rete del 3-0: Fonti ispira Micciché che elude con una finta un avversario e calcia a rete, trovando il salvataggio sulla linea di Scutti; sul proseguo dell’azione, Pellecchia recupera il pallone al limite dell’area e spedisce in fondo al sacco.

Il Lanciano non vuole essere vittima sacrificale e torna in campo con un diverso atteggiamento: dopo appena quaranta secondi, azione personale di Di Benedetto che sorvola la traversa. La Barba chiamato nuovamente all’intervento al 50′ nell’alzare sopra la trasversale un tiro di Pellecchia, mentre sul ribaltamento di fronte Chicarella si prende gli applausi quando neutralizza il tiro di Paravati. Al 53′ azione personale di Imperatrice che supera Venneri e, da posizione defilata, chiama Chicarella nuovamente all’intervento. I padroni di casa trovano il 4-0 al 61′ sugli sviluppi di un calcio di punizione: scavetto di Catalli per Venneri che, a tu per tu con La Barba, non sbaglia. Irti sigla poi il definitivo 5-0 al 69′, quando raccoglie un cross dalla destra di Maisto e di testa spedisce in fondo al sacco. All’81’ bravo Chicarella nel respingere un tiro di Lombardo, mentre i ragazzi di mister Bolzan hanno una doppia occasione per incrementare il passivo: prima con Irti (86′) che spedisce alto un pallone servito da D’Ercole, poi con Fonti in pieno recupero che spedisce alto.

Il Tabellino

L’Aquila 1927 – Lanciano 1920 5-0 (4′ Maisto, 41′ Micciché, 45+1′ Pellecchia, 61′ Venneri, 69′ Irti)

L’Aquila 1927: Chicarella, Cipriani, Kras (46′ D’Ercole), Catalli (62′ Di Francesco), Ricci, Venneri, Micciché (46′ Di Federico), Fonti, Rosano (71′ Collevecchio), Maisto, Pellecchia (61′ Irti). A disposizione: Di Fabio, Moscianese, Lenart, Testone. Allenatore: Bolzan.

Lanciano 1920: La Barba, Surugiu, Scutti, Fuschi, Cacciotti, Cavallo (50′ Paravati), Barbarossa, Marfisi (66′ Rinaldi), Imperatrice, Di Benedetto (77′ De Santis), Lombardi. A disposizione: D’Orsogna Bucci, Longo, Marra. Allenatore: Di Pasquale.

Arbitro: sig. Cortale della sezione di Locri coadiuvato dai sig.ri Carnevale di Avezzano e Marrollo di Vasto.

Recupero: 2′, 3′.

Ammoniti: Venneri (A).

Corner: 5-1.

Fonte: Ufficio Stampa L’Aquila 1927

Nessun Commento

Inserisci un commento