Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


06/24/2021
HomeEdizioniChietiPaglieta, al via i lavori per il Museo delle Tradizioni Popolari

Paglieta, al via i lavori per il Museo delle Tradizioni Popolari

L’Amministrazione comunale di Paglieta ha conferito l’incarico al Settore III di procedere all’affidamento della progettazione per la manutenzione straordinaria dell’edificio comunale adibito a “Museo delle Tradizioni Popolari”, situato in Via Polsoni. L’importo dei lavori ammonta a € 36.622,50, somma attinta attraverso un finanziamento riservato ai Comuni del Mezzogiorno, per la realizzazione d’infrastrutture sociali. Per la redazione del progetto-esecutivo e la direzione dei lavori è stato conferito incarico all’architetto Carlo Vitelli. Si dovrà intervenire per dotare la sala di un sistema climatizzato e di un’uscita di sicurezza, si dovrà anche apportare alcune necessarie modifiche, creando nuovi spazi.

Paglieta, dunque, custodisce un tesoro all’interno del Museo delle Tradizioni Popolari: la memoria di un paese. Lì tutto riporta a un tempo remoto, dall’inizio e per una parte del secolo scorso. Gli oggetti, manufatti, gli abiti, gli attrezzi, i giocattoli, gli strumenti di lavoro, stampe e le fotografie che sono custoditi nel museo raccontano la vita quotidiana, le tradizioni e i costumi della comunità locale. L’esposizione permanente delle tradizioni popolari di Paglieta inizia la sua storia nel 1998, grazie all’impegno degli alunni delle scuole cittadine, dei loro insegnanti, genitori e volontari. A occuparsi della gestione del museo, intitolato a due studiosi del posto, Alfredo Polsoni e Giuseppe Nelli, è un’associazione culturale femminile, che promuove e organizza attività culturali e iniziative finalizzate alla valorizzazione della memoria e della cultura del territorio.

La posizione degli oggetti è stata concepita secondo il criterio della riproduzione di ambienti: la cucina contadina, la stanza da letto, le botteghe artigiane, il trappeto, e molto altro ancora. L’attuale allestimento si correda di pannelli esplicativi che illustrano sinteticamente le caratteristiche degli ambienti ricostruiti e che riportano i termini, dialettali e in italiano, adoperati per individuare gli oggetti esposti.

«Il Museo delle Tradizioni Popolari», dichiara il Sindaco Ernesto Graziani, «riaprirà presto lo scrigno nel quale custodisce le testimonianze di usi e costumi della nostra comunità. Per la ripresa al pubblico, saranno attuate tutte le limitazioni imposte dalle misure anti Covid, così da permettere ai visitatori di ammirare quanto conservato nel  museo».

Nessun Commento

Inserisci un commento