Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/25/2021
HomeCalcioIl Chieti scalda i motori per il ritorno del pubblico: rimodulate le presenze all'”Angelini”

Il Chieti scalda i motori per il ritorno del pubblico: rimodulate le presenze all'”Angelini”

Il sindaco di Chieti, Diego Ferrara, ha firmato oggi un’ordinanza che ridetermina la capienza dello stadio Angelini alla luce della riapertura al pubblico dopo le restrizioni dettate dall’esigenza di contingentare i contagi da covid19.

L’ordinanza fissa a 3.999 il numero massimo di spettatori consentito e ridetermina la capienza dei settori dello Stadio Angelini perché possa tornare a ospitare il pubblico in sicurezza – così il sindaco Diego Ferrara e l’assessore allo Sport Manuel Pantalone La rideterminazione recepisce quanto disposto dalla Commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo nei pareri pre-pandemia e sarà adeguata anche in base a quanto dispone il decreto Draghi per il limite di pubblico. Il testo si riferisce ai pareri della Commissione comunale del 2014 e 2016 e torna a prevedere la capienza massima di 1.999 persone in zona Tiburtina; 280 persone nella zona curva Ospiti e 1.720 persone nella zona curva Volpi. Resta al momento inutilizzabile la zona Distinti, che attende la realizzazione e il collaudo delle necessarie opere di adeguamento strutturale che metteremo in campo appena possibile. Questo il quadro che sarà adeguato anche in base a quanto dispone il decreto governativo sulla ripartenza degli impianti sportivi per limite di pubblico che, per i parametri dell’Angelini, corrisponderà ad un numero complessivo di spettatori di poco inferiore alle 1000 unità.

Si tratta di un atto che di fatto riapre lo stadio alla città, dopo 18 mesi di incertezza e stop e segna la ripresa anche dell’attività sportiva e di un indotto che in questi mesi ha vissuto tutte le difficoltà e gli effetti derivati dall’esigenza di affrontare una pandemia come quella che abbiamo dovuto combattere”.

Nessun Commento

Inserisci un commento