Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


01/17/2021
HomePoliticaAvezzano, Di Pangrazio presenta le sue otto liste: “Creeremo una sinergia per il bene della città”

Avezzano, Di Pangrazio presenta le sue otto liste: “Creeremo una sinergia per il bene della città”

Tira aria di ritorno alle vecchie abitudini, in quel di Avezzano: l’ex-sindaco Gianni Di Pangrazio ha infatti presentato le sue otto liste, nella mattinata odierna, presso la Sala Consiliare del Comune. Il manager della pubblica amministrazioni si è detto emozionato, prima di spiegare “siamo partiti pensando di dare una mano alla città ed ai cittadini. Vogliamo far vincere Avezzano, far vincere questa bella città, creando una sinergia che sia rappresentativa dei valori locali. Abbiamo formato otto liste, con un punto fondamentale: l’identità della città. Sono qui rappresentati, in ogni nostra lista, Avezzano e la Marsica. Siamo uniti per Avezzano come città territorio!”. Punto focale, per Di Pangrazio, è stato il non “voler fare passerelle con i partiti: non ci servono personaggi che vengono da fuori solo nelle occasioni delle elezioni. Chi sta al mio fianco rappresenta, ognuno nella sua professione, l’avezzanesità. Bisogna rispettare la città, ascoltando le necessità dei cittadini. Lavorare per questa città, ve lo dico da ora, con il Covid diventerà tra poco difficilissimo: bisogna rimboccarsi le maniche sin dal 21 Settembre. Noi stiamo lavorando con lealtà, con la correttezza e la competenza che ci contraddistinguono: siamo pronti a partire sin dal prossimo 21 Settembre. Nelle prossime settimane, per ogni giorno verrà toccato un punto che ci sta a cuore: verrà ovviamente sviscerato da una persona competente, un esperto nel suo campo“.

LE LISTE

AVEZZANO CITTA’ E TERRITORIO – Ha preso la parola il capolista l’imprenditore Rocco Giancarlo Di Micco, che ha spiegato come “Avezzano non è una semplice cittadina, è una città territorio che rappresenta tutta la Marsica. Negli ultimi anni questo ruolo è venuto a mancare, e questo ci pesa. Non è colpa di altri territorio, anzi siamo stati noi a lasciare la città in una situazione precaria. Ora, abbiamo bisogno di un sindaco credibile che sappia riaffermare il ruolo di Avezzano intesa come città territorio. In passato, insieme a Gianni Di Pangrazio abbiamo fatto grandi cose, come per esempio aver ristrutturato tutte le scuole: siamo stati una delle uniche cittadine in Italia. Questo dipende anche dalla capacità del sindaco, è ovvio, e dalla sua esperienza. Alcuni progetti vanno aggrediti, e lo si può fare solo con un sindaco così”. Inevitabile, poi, la battuta sull’ospedale: “Non lasciamo che venga a mancare anche quello, la salute è un bene davvero primario”. 

AVEZZANO LIBERA – Il rappresentante Gianluca Presutti ha spiegato che “i partiti attuali non hanno saputo fare un’offerta sufficiente per la città, ecco perché abbiamo ritenuto di non aver voluto affiancarci ad essi e di fare, con Di Pangrazio, una scelta civica. Di Pangrazio è certamente il più competente ed esperto dei candidati in corsa. L’esperienza di Gianni come sindaco è stata ottima, speriamo di fare ancora meglio in futuro”. Sugli obiettivi: “La tutela del tribunale è fondamentale, non solo per assicurare giustizia al territorio ma anche da un punto di vista economico. Forse non siamo stati bravi come avvocati a farlo capire, ma ora lo dobbiamo fare: non solo la giustizia, ma anche l’economia dipende molto dal Tribunale. Altro punto cardine sarà la sicurezza: dobbiamo tutelarla, al momento anche il centro di Avezzano è stato colpito da episodi di violenza. Chiudo sulla Protezione Civile: questo è un altro punto cardine e di orgoglio per l’amministrazione Di Pangrazio”. 

UNITI PER AVEZZANO – Parola al commercialista Alessandro Pierleoni, che ha dichiarato: “La nostra lista sostiene fermamente Di Pangrazio, ritenuto da noi serio e competente che per 5 anni ha garantito stabilità e governabilità alla città, cosa che non è successa nell’ultimo periodo. Ora la comunità deve unirsi intorno a lui per varie tematiche: la prima è la sanità, la seconda il lavoro. Queste sono le ragioni per cui abbiamo scelto Di Pangrazio, un sindaco civico che non è condizionato dall’alto. Tra l’altro, dobbiamo puntare forte sui giovani: abbiamo il polo studentesco più grande d’Abruzzo, non possiamo accettare che le nostre menti fuggano. Non ultimo, serve di investire sull’università: ma non un’università spot, ma una che guardi al territorio. Serve dunque un’università votata all’agroalimentare, che faccia tornare Avezzano sui tavoli importanti della Regione“.

RIFORMISTI PER AVEZZANO – L’avvocato Walter Bonaldi, rappresentante di lista, ha dichiarato: “Il sogno di una Avezzano provincia è tramontato, ma questo non vuol dire che non possiamo sognare una città con strutture da provincia. Avezzano deve essere una smart-city: per questo non dobbiamo modificare le strutture esistenti, ma favorire i rapporti sociali senza toccare quanto di buono già c’è. A chi ci si poteva rivolgere? In questo pantano in cui ci ritroviamo, l’unica persona a cui pensavamo di poter dare appoggio era proprio Gianni Di Pangrazio“.

AZIONE CIVICA PER AVEZZANO – L’imprenditore Alessandro Barbonetti ha spiegato che “noi crediamo fortemente nell’azione civica, ecco perché questo nome alla lista. Siamo ben contenti di stare lontani dai partiti: credo che siano stati proprio loro a far finire l’amministrazione precedente. Questo non potrà accadere ancora, perché Di Pangrazio è rappresenta il civismo“. Parlando dell’immediato futuro, per Barbonetti “abbiamo bisogno di ricostruire l’economia dopo i problemi dovuti al Covid-19. Questa città deve essere attrattiva, deve essere dinamica: vogliamo lavorare per potenziare le aree necessarie per il turismo. Siamo a 40 kilometri da Roma, forse ne siamo un vero quartiere: se creiamo il modo di portare le persone qui, creiamo economia per la città. La cultura ha un ruolo centrale: il Teatro dei Marsi deve lavorare 5 giorni su 7, è il più bello d’Abruzzo, deve avere anche dei laboratori per i ragazzi e per i più giovani. Massima importanza, poi, agli eventi. Possiamo attirare veramente tanto dai territori vicino a noi, se mettiamo in condizione di farlo gli operatori del settore“.

IO STO CON AVEZZANOAdele Fiaschetti, avvocato e rappresentante di lista, ha raccontato che “la mia stima personale verso Di Pangrazio è molto alta. Avezzano deve essere centrale per la vita dei giovani, ne abbiamo bisogno. Appoggio Gianni Di Pangrazio non solo perché è una persona capace, ma perché è stato in grado, nel tempo, di mantenere quanto ha promesso”. 

PATTO PER LA MARSICANicola Blasetti, imprenditore, ha ringraziato prima di tutto la stampa per il servizio offerto. Quindi, ha dichiarato: “Mi sembra di rivivere le elezioni di Massa d’Albe, dove un gruppo compatto aveva cercato un sindaco capace di amministrare il Comune per cinque anni. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo: l’interesse mostrato, qui, è verso lo sviluppo dei programmi e non verso le beghe di carattere personalistico. Per questo, abbiamo scelto come candidato sindaco Giovanni Di Pangrazio, sia per le sue conclamate competenze che per il lavoro che sta svolgendo per la città. Un palazzo comunale come quello che vorrei deve essere aperto alle esigenze di tutti, tutti i giorni“.

AVEZZANO AL CENTRO – L’avvocato Alessandra Sucapane ha spiegato che “Dobbiamo spingere per quello che riguarda i servizi sociali. La Marsica è in sofferenza, questa mancanza è forte come lo è in tutta Italia: dobbiamo riqualificare i servizi sociali a sostegno delle famiglie. Dobbiamo riqualificare il nostro territorio, anche per quel che concerne il tribunale: è un servizio al cittadino troppo importante!”. Un’idea da non perdere, poi, è quella della “Casa delle Associazioni: ripartiamo così, con persone competenti e capaci. Ognuno sarà portavoce della sua area. E non dimentichiamo la Casa dei Quartieri: un interesse enorme, una fucina di idee e promozione che arriva dove la pubblica amministrazione non può”. 

Nessun Commento

Inserisci un commento