Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/09/2021

 L’Amarone, piccolo gioiello dell’Azienda Zenato, è considerato a ragione il re dei vini veronesi. Si ottiene dalla vinificazione delle migliori uve della Valpolicella Classica, luogo dal clima mite e di impareggiabile fascino che si affaccia sulla sponda veneta del Lago di Garda.  Tutto nasce nel 1960 dal padre Sergio Zenato, che con energia e ambizione, animato dal suo profondo legame con il territorio, ha sperimentato nuove tecniche di vinificazione e investito sui vitigni autoctoni, fino ad ottenere vini di qualità altissima. Oggi, la moglie Carla insieme ai figli Alberto e Nadia, con la stessa passione, tenacia ed infinita dedizione, fanno crescere la grande impresa di Sergio, diffondendo l’eccellenza dei vini Zenato in oltre 60 paesi del Mondo

Provenienza:  Peschiera del Garda – Verona

Annata : 2005

Gradazione alcolica: 16,5% vol.

Varietà delle uve: 80% Corvina,15% Rondinella,5% Sangiovese e 5% Molinara 

Tipologia: Le vignne sono ubicate a Sant’Ambrogio nella parte classica della Valpolicella; l’esposizione è a sud-est ad una altitudine di  250/300 metri sul livello del mare. I terreni sono prevalentemente di tipo cretaceo-calcareo. Il sistema di allevamento è di tipo Guyot e pergola trentina con 3000 ceppi per ettaro.  

Vinificazione: la vendemmia viene fatta intorno alla prima decade di ottobre rigorosamente a mano .Dopo essere state raccolte e selezionate, le uve sono state messe ad appassire per circa 5 mesi, in cassette di legno, curando la spaziatura tra grappolo e grappolo per favorire l’arieggiamento. Al termine della fermentazione sulle bucce, durata circa 30 giorni, è incominciato il periodo di maturazione, parte in botti di rovere di Slavonia e parte in barrique di rovere francese da 300 litri, per circa 2 anni e mezzo. Successivamente il vino è stato imbottigliato ed è rimasto ad affinarsi in vetro per circa 1 anno.

Caratteristiche organolettiche:  All’esame organolettico questo vino si presenta di colore rosso rubino carico, tendente al granato con il passare degli anni. Il profumo è intenso, fruttato ricco di note di ciliegia, marasca e piccoli frutti di bosco, speziato. Il gusto è caldo, pieno, di grande struttura. 

Temperatura di servizio:   20-21 gradi  previa ossigenazione per almeno 1 ora; utilizzare un calice ampio a tulipano. Di grande longevità e  se ben conservato a temperatura costante di 12 gradi può rimanere ancora in cantina per altri 10 anni.

Abbinamenti : Un vino della grande tradizione veneta, ideale con arrosti di selvaggina, con carne rossa alla griglia e con formaggi stagionati.. Come sempre per chi vuole osare consiglio di provarlo a fine pasto con una ganache di cioccolato fondente durante un momento di meditazione.

Nessun Commento

Inserisci un commento