Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/25/2021

   

     

Continuiamo la pubblicazione dei componimenti poetici in vernacolo sul tema “La ruella”, in dialetto abruzzese peligno.

La poesia “Ruelle” di oggi gustiamola e mettiamola a confronto con le altre già lette, magari rileggendole. Scopriremo senz’altro delle vicinanze di immagini e delle diversità di ispirazione e riferimenti. C’è un punto in comune: la nostalgia di quelle stradine, dette anche “accorciatoie” e “scorciatoie”: tutte, in un modo o nell’altro, sanno di tenerezza piacevole e di semplicità di vita.

Rinnoviamo l’invito a chi ci legge ad esprimere eventuali commenti, pareri, riflessioni sulle composizioni, sul gradimento, sui dubbi. La mail dove inviare i vostri “pensieri  rimane la stessa:enea.diianni@virgilio.it:

E’ un modo per dialogare. Buona lettura.

 

   

LA RUELLE

Nen stéve a la muntàgne,

nen stéve a la campàgne,

ma annascòste a la cettà

tra palazze e antechetà.

Quattre case scurtecàte,

’na ruélle sgangheràte;

sarchie ’n spalle lu cafòne,

panne appìse a lu balcòne.

Assettàte a ’na scalùcce,

a nu cìtele  la mammùcce,

mentre fà’ la cauzétte,

je raccònte ’na faulétte,

po’allùcche a nu ’uajjòne

che joche ’nghe lu pallòne:

ogne càuce è pulveròne,

’na cummèddie e confusiòne…!

… Addapù me so’ svejjàte.

E’ recuòrde o so’ sunnàte?

La ruélle è desabbetàte,

la jervàcce l’ha travesàte;

lu selenzie è ’mma na ’mbrèlle

e rembòmbe a la ruélle.

La lune e cocche stelle

allùstrene la ruélle

e, annascòste, ’na cuppiétte,

sola sola, fà’ la “feste”

e la lune, ch’è ruffiàne,

chiane chiane s’alluntane.

Mamma mé’ che confusiòne!

’Stu recuçrde è ’na vesiòne

o  luntana veretà

che lu core ’n po’ scurda?

LA STRADINA

Non era in montagna,

non era in campagna,

ma nascosta in città

tra palazzi e antichità.

Quattro case scorticate,

una stradina messa male, 

zappa in spalla il cafone,

panni stesi sul balcone.

Seduta su un gradino, 

ad un bimbo la nonnina,

mentre fa la calzetta,

racconta una favoletta

e, a tratti, strilla ad un ragazzo

che gioca a pallone:

ogni calcio un polverone,

commedia e confusione…!

…Poi mi sono svegliato.

E’ un ricordo o ho sognato?

La stradina è disabitata,

l’erbaccia l’ha travisata;

il silenzio è come un ombrello

e rimbomba (tutto) nella stradina.

La luna e qualche stella

Illuminano la stradina

e una coppietta, nascosta,

sola soletta, fa festa

e la luna, che è ruffiana,

piano piano si allontana.

Mamma mia che confusione!

Questo ricordo è una visione

o una lontana verità

che il cuore scordare non sa?

(E. Di Ianni)

Nessun Commento

Inserisci un commento