Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/25/2021

CHELA “RUELLE”

Continuiamo nella pubblicazione dei componimenti poetici in vernacolo partecipanti al 20°Concorso di poesia dialettale di Castelvecchio Subequo (AQ) e ammessi alla serata finale del 10 agosto 2021.

La poesia “Chela ruelle” è in dialetto partenopeo, napoletano non stretto e, a tratti, vicino ai nostri. Rinnoviamo l’invito a chi ci legge di esprimere eventuali

commenti, pareri, riflessioni sulle composizioni, sul gradimento, sui dubbi.

E’ un modo per avviare un dialogo. La mail dove inviare i vostri “pensieri” è sempre enea.diianni@virgilio.it: In attesa, buona ettura.

CHELA “RUELLE”

Chela ”ruélle”

pe’ tante notte

nche cumpagnìe!

Sopra le stelle,

nu ddu’ de sotte.

La luna spìe.

Quanne segrete:

ddu’ vase dòce,

assa’ carézze…

Pù mamme, arrète,

leva ‘na voce:

Da ‘ndò venéte? –

Vulesse spieca’

ma sente strella’

e ’n pozze parlà.

Tarde s’è fatte

suole pe’ vase:

pigliàne ‘o core,

fane ’scì matte,

te scuorde ‘a case…

Pecché? …E’ amore! –

Vulesse dice,

ma ch’ ’o dico a ffà?

Mamma le sa…!?!

QUELLA STRADINA

Quella stradina

per tante notti

con quale compagnia!

Sopra (c’erano) le stelle,

noi due di sotto.

La luna (intanto che…) spia.

Quanti segreti:

dei baci dolci,

tante carezze.

Poi, da dietro, mia madre

alza la voce (…strilla):

Da dove venite? –

Vorrei dare una spiegazione

ma sento strillare

e non riesco a parlare.

Si è fatto tardi

soltanto per i baci:

prendono il cuore,

fanno impazzire,

scordi la casa…

(Mi chiedi) Perché? E’ l’amore! –

Glielo vorrei dire,

ma che serve dirlo?

Mia madre ( già ) lo sa…!?!

(E.Di Ianni)

Nessun Commento

Inserisci un commento