Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/19/2021

Continuiamo, nella rubrica “Abbruzzesità poetica”, a dare spazio alle composizioni in vernacolo presenti, il 10 Agosto scorso, a Castelvecchio Subequo (AQ), nella cerimonia conclusiva del 20° Concorso di poesia dialettale a cura del Centro Anziani “Laceteléne”. 

Lo facciamo per testimoniare la nostra vicinanza al dialetto, ai suoi cultori e amatori, e a quanti s’adoprano per stimolare la creatività in tale direzione e far sì che non si perdano i suoni del linguaggio locale. 

La Rivista ospiterà, mantenendo l’anonimato sugli autori, alcune significative poesie presenti nel concorso citato e riferite al tema “La ruella” (la stradina), lasciando a lettrici e lettori ogni libertà di commento e di giudizio che potranno inviare alla mail (enea.diianni@virgilio.it ) e di cui faremo menzione a conclusione della sequenza di pubblicazioni. 

LA RUELLE

A lu nostre paeselle

si truveve na ruelle,

assà longhe e tante strette,

gne tajate nghe l’accette.

Proprie alla’, li bardascìlle

s’ardunvane, gne cille,

pe’ jucà a chiapparelle,

a palline e a campanelle.

Le persone vicchiarille,

quille frigne e cchiù arzille,

a chi ere piccirelle 

raccuntèvene sturielle.

Po’, juchenne a morre e a carte,

si facèvene nu quarte

di saprite vine rosce

che facè passà la tosce.

Ugne tante la maestre

s’affaceve a la finestre,

pe’ vedè se quacchedùne

dè fastidie a li uaiùne.

Assettàte a la luggette,

steve sempre zà Mariette

che faceve lu merlette,

lavurenne a l’uncinette.

Lu scarpare “Acciaccanoce”,

aggiustenne scarpe e cioce,

canticchiève e ciuffeleve

pe’ li solde ch’ammucchieve.

Chela gente paesane

ere, allore, forte e sane

pecchè steve spensierate,

chiù serene e rilassate.

Si scherzeve, si rideve,

si canteve e si balleve

lu saltelle e lu passette

nche sunate d’urganette.

Giuvenùtte e giuvenette

abballevane chiù strette,

ma ch’avè senne e judizie

cundanneve chelu vizie…

Mo’, a lu nostre paeselle,

n’ci sta chiù chela ruelle,

ma na grossa costruzione

che si chiama “Mercatone”.

I’, quand’ere piccerelle,

facè sempre lu munelle

e, pe’ fàreme curregge,

m’ hanne messe a lu cullegge.

Gna li studie avè finite

e a la case so’ reìte,

chela rua, scumparite,

mente e core m’ha ferite.

LA STRADINA

Nel nostro paesello

c’era una stradina

abbastanza lunga e tanto stretta,

come tagliata con l’accetta.

Proprio lì, i ragazzi

si riunivano, come uccelli,

per giocare ad “acchiapparella”,

o con le palline e a campana.

Le persone anziane,

quelle vispe e più arzille,

ai bimbi più piccoli 

raccontavano  favolette.

Poi, giocando a morra e con le carte,

si facevano un quartino

di saporito vino rosso, 

quello che fa passar la tosse.

Ogni tanto la maestra

si affacciava alla finestra

per vedere se qualcuno 

desse fastidio ai ragazzi.

Seduta sulla loggetta,

c’era sempre zia Marietta

che faceva il merletto,

lavorando all’uncinetto.

Il calzolario “Acciaccanoce”,

riparando scarpe e ciabatte,

canticchiava e fischiettava

per i soldi che metteva da parte.

Quella gente paesana

era, allora, forte e sana

perché viveva spensierata,

più serena (di oggi) e rilassata.

Si scherzava, si rideva,

si cantava e si ballava

il salterello e il minuetto.

Giovanotti e giovanette 

ballavamo più stretti,

ma chi aveva senno e giudizio

lo condannava quel vizio…

Oggi, nel nostro paesello,

non c’è più quella stradina,

ma una grande costruzione

chiamata “Mercatone”.

Io, quand’ero piccolo,

facevo quasi sempre il monello

e, per farmi correggere,

mi hanno messo in collegio.

Appena terminati gli studi

e ritornato a casa,

la scomparsa di quella stradina 

mi ha ferito nel cuore e nel pensiero.

Nessun Commento

Inserisci un commento