Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/19/2021
HomeLa RivistaLa Rubrica del ConsumatorePrima giornata di Serie A e problemi tecnici per DAZN. CODACONS: RIMBORSI AUTOMATICI AGLI ABBONATI

Prima giornata di Serie A e problemi tecnici per DAZN. CODACONS: RIMBORSI AUTOMATICI AGLI ABBONATI

Sempre gli stessi problemi per DAZN, nonostante il prezzo dell’abbonamento sia aumentato la piattaforma  streaming, da questa stagione broadcaster ufficiale del massimo campionato di calcio italiano, ha di nuovo fatto registrare – dopo quelli, abbondanti e ripetuti, dello scorso anno – disservizi tali da rendere difficile la fruizione delle partite ad iniziare da Inter-Genoa fino a Roma-Fiorentina. Il Codacons chiede di indennizzare tutti gli utenti coinvolti nel disservizio della prima giornata con rimborsi automatici pari al costo della singola partita, pena inevitabili azioni risarcitorie a tutela dei consumatori e dei tifosi.

Si è ripresentato un disservizio già verificatosi lo scorso anno. Problemi di segnale, oltre che di qualità video, per DAZN: immagini bloccate, poi ripartite, poi scomparse del tutto, poi tornate, poi interrotte di nuovo, e via dicendo. “Pochi minuti”, risponde l’azienda, ma non per tutti è così (e anche se fosse, il problema resterebbe). L’incubo di tutti gli appassionati, ma soprattutto una beffa per gli utenti – che hanno pagato, e quest’anno più degli scorsi anni, un servizio spesso inefficiente. Il Codacons si era impegnato nelle scorse settimane a vigilare sul miglioramento della qualità del servizio e sul rispetto dei provvedimenti dell’Agcom, affinché non si verificassero più disservizi capaci di arrecare un danno dei clienti DAZN i quali, a fronte del pagamento di un abbonamento, non avevano ricevuto un servizio adeguato negli anni passati: e in un esposto all’Antitrust del 2018 avevamo già denunciato “le interruzioni continue ed improvvise, i ritardi nella connessione, la mancata disponibilità dell’app per alcuni dispositivi e il ritardo nella trasmissione in tempo reale della partita dovuto allo streaming rallentato”. “Visto il reiterarsi della situazione, ora siamo costretti a dare seguito a quell’impegno, ha dichiarato Carlo Rienzi perché chi  è in possesso di pacchetti DAZN e non è riuscito ad assistere in tv alle partite per continue interruzioni del segnale, ha diritto, in base al codice civile, ad ottenere il rimborso di quanto pagato, proporzionalmente al disagio subito.

(Da [22/8, 12:28] Rienzi Carlo: Comunicato stampa)

Nessun Commento

Inserisci un commento