Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


11/29/2021

Angolo dell’abruzzesità poetica/21

Il 10 Agosto scorso, a Castelvecchio Subequo (AQ), si è tenuta la cerimonia conclusiva del 20° Concorso di poesia dialettale a cura del Centro Anziani “Laceteléne”.

Proprio a significare la nostra vicinanza al dialetto, ai suoi cultori e amatori, e a quanti s’adoprano per stimolare la creatività in tale direzione e far sì che non si perdano i suoni del linguaggio locale, per qualche numero la nostra Rivista ospiterà, mantenendo l’anonimato, alcune significative poesie presenti nel concorso citato e riferite al tema “La ruella” (la stradina), lasciando a lettrici e lettori ogni libertà di commento e di giudizio che potrete inviare via e-mail (enea.diianni@virgilio.it ) e di cui faremo menzione a conclusione della sequenza di pubblicazioni.

Buona lettura!

LA RUVELLE

Tra vìcule, piazzétte i viculìtte,

cupiérte da la stretta de ddu’ titte,

ce stane ancòre pe’ j’ ammònte i abbàlle,

frische de’ ’state i de ’nvierne cchiù calle,

n ze’ quante viarèlle strette assai

andò, mò, sole de ’hatte è ’ne via vai

perché la poca gente che ce sta

a camena’ nen tante ce la fa.

N ce pàssane nghe i piede, ma ce vane

nghe le penzière ch’è ancòra sane

i ’n ha perdùte niente, anze cchiù belle

rechiama ’n mente cierte scappatèlle

tra chiare i scure, prime de fa’ notte.

Evene, jsse i jésse, ddu’ quetràne

nghe la paura, scì, ma tanta voglie

de sta’ vecìne, suole, i puté’ coglie,

pe’ ne mumènte suole, ne surrìse

ch’éve la prove ca le paradìse

stà ’n ciele ma po’sta’ cchìù ’n basse

quande l’amore te piglie i nen te lasse.

N sapévane che fa’, che ce po’ fa’,

i manche ce pruvévene a parla’:

soltante j’ uòcchie, lustre i tremariélle,

évene chiìne già de cose bbelle.

Fu jéssa la cchiù brave i cchiù decìse:

ne basce, ’na carèzze, ’ne surrìse, ,

n’atre bascìtte i po’, all’antrasàtte,

ce ne scappì de corza. Alla ruvétte

remanì, ’mbambulàte, le ’uagliòne,

a uocchie chiuse…! Quande ne vuciòne

renghì, all’assecrùne, la ruvélle:

attelufréca le mumente bbielle!

Eve le patre. L’aveva cercàte

perché nen éve ancòre rencasàte

i stévene ’n penziere: ’n ze sa mai

ce fusse retruvàte ’n mmiezz’ a ’uai.

– Ce po’ sapé che fi’ pe’ ’sta ruvétte? –

– Mesùre quant’è longhe i quant’è strette! –

– I ce vune ddu’ perzone a mesurà? –

– Scì, ’mmà la cummàre i tu, tatà! –

. …. …. …. …. …. …. …

Da sempre, nghe le fridde i nghe le calle,

n tante so’ ite ammònte e ’n tante abbàlle

dentre a quele ruvélle. “P’ accurcia’

la vie…”, ce decéve. La veretà

la sane sole lore, le ruvélle,

quele viarèlle corte, strette i bbelle

andò chi, bene o male, ci ha passàte

le sa se c’è affrettàte o ha mesuràte!

LE STRADINE

Tra vicoli, piazzette e vicoletti,

coperte dalla stretta di due tetti,

ci sono ancora a salire e a scendere,

con frescura d’estate e un po’ di tepore d’inverno,

non sai quante piccole stradine molto strette

dove, adesso, è un via vai solamente di gatti

perché la poca gente che ci abita

non ce la fa tanto a camminare.

Non ci passano coi piedi, ma ci vanno

col pensiero che è ancora integro

e non si è perso niente anzi, ancor più belle,

richiama alla mente certe scappatelle

all’imbrunire, prima di annottare.

Erano lui e lei, due ragazzi

con la paura, sì, ma tanta voglia

di star vicini, soli, e assaporare,

per un solo momento, un sorriso

che era la prova che il Paradiso

sta in cielo, ma può scendere giù

quando l’amore ti prende e non ti lascia.

Non sapevano che fare, cosa si potesse fare,

e neppure provavano a parlare:

solo gli occhi, lucenti e timidi,

erano pieni già di cose belle.

Fu lei la più brava e più decisa:

un bacio, una carezza, un sorriso,

un altro bacetto e poi, su due piedi,

scappò via di corsa. Alla “ruvella”

restò, imbambolato, il ragazzo,

con gli occhi chiusi… Quando un vocione

riempì, di colpo, la “ruvella”

di botto via, svanì il momento bello!

Era il padre (di lui). Lo aveva cercato

perché non era rincasato

e stavano in pensiero: tante volte

si fosse ritrovato in mezzo ai guai.

Si può sapere cosa (ci) fai in questa “ruvetta”? –

– Misuro quanto è lunga e quanto è stretta ! –

– E ci vogliono due persone per misurare ? –

– Sì, come (fate) la comare e tu, Papà ! –

. …. …. …. …. …. …. …. …

Sempre, col freddo e col caldo,

tanti sono andati su e tanti giù

dentro quelle “ruvelle”. “Per accorciare

la via!”, si diceva. La verità

la sanno soltanto loro, le “ruvelle”,

quelle stradine corte, strette e belle

dove (solo) chi, bene o male, c’è passato

sa se si è affrettato o ha preso le misure!

Nessun Commento

Inserisci un commento