Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/20/2021
HomeCalcioPucetta, ecco due cavalli di ritorno: ufficiali Di Silvio e Ranalletta

Pucetta, ecco due cavalli di ritorno: ufficiali Di Silvio e Ranalletta

Il Pucetta riparte da Michael Di Silvio e Lorenzo Ranalletta. Terzino sinistro classe ’98 il primo, portiere classe ’00 il secondo: si tratta di due giocatori che avevano già indossato la casacca degli avezzanesi e che sono stati ufficializzati come cavalli di ritorno nel corso del weeekend.

Ranalletta, dopo aver militato nel Pucetta nella stagione 2017/2018, squadra che lo ha lanciato tra i grandi, ha giocato l’anno successivo con il Paterno, per poi approdare a L’Aquila nella stagione che ha portato i rossoblù a vincere il campionato di Promozione finendo poi a Celano nella parentesi calcistica dell’anno scorso.

Oggi Ranalletta torna al Pucetta più maturo, ma con la stessa voglia di sempre “Per me Pucetta è stata una scelta di cuore” dice il portiere entusiasta “Sapevo che prima o poi sarei tornato qui perché per me il Pucetta è come se fosse casa mia. In questi anni a livello personale sono cresciuto tanto. A Paterno e a L’Aquila ho vissuto esperienze importanti che mi hanno fatto maturare come portiere e come uomo e ciò non sarebbe stato possibile se non avessi avuto dal Pucetta quella fiducia che mi hanno dato nel farmi esordire in Prima Squadra. Torno qui con la voglia di potermi giocare il posto da titolare con Attilio Colella, che sappiamo essere un grandissimo portiere, per cui spero di mettere in difficoltà il mister nelle sue scelte. Obiettivi? Al minimo i Playoff, a maggior ragione se sarà confermata la struttura dei gironi di Promozione pianificata nella passata stagione.

L’anno scorso, prima dell’interruzione dei campionati, Di Silvio invece aveva sposato il progetto del San Benedetto Venere. “Il Pucetta per me è una famiglia ed è un piacere tornare. Non ci ho pensato un attimo a firmare. Un anno fermi sarà difficile da smaltire, tuttavia il mister avrà a disposizione una rosa ampia per cui riusciremo sicuramente a prevenire gli infortuni. Il mio obiettivo è quello di fare il massimo per il Pucetta, cercando di riuscire a conciliare gli impegni studio e calcio.”

Nessun Commento

Inserisci un commento