Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


07/30/2021
HomeEdizioniChietiSituazione critica per le vaccinazioni a Chieti: mancano 15mila persone all’appello

Situazione critica per le vaccinazioni a Chieti: mancano 15mila persone all’appello

 Nuova sinergia per il prosieguo della campagna vaccinale in città, quella scaturita dall’incontro tenutosi stamane in Comune fra l’Amministrazione e i vertici della Asl. Presenti il sindaco Diego Ferrara e il manager Thomas Schael, alla riunione hanno partecipato anche il Presidente del Consiglio Comunale Luigi Febo, l’assessore alla Sanità Giancarlo Cascini, la presidente della Commissione sanità Gabriella Ianiro e il consigliere delegato alla Protezione civile Vincenzo Ginefra, oltre ai funzionari della Asl 2.

“Dobbiamo procedere in modo deciso e serrato con la campagna, per arrivare alla vaccinazione delle almeno 15.000 persone che in città ancora non hanno aderito – così il sindaco Diego Ferrara e il manager Thomas Schael – Al fine di risolvere le problematiche legate alle sedi vaccinali, si procederà su due fronti: il primo sarà quello di attivare al più presto un hub nei locali del Foro Boario in sinergia con la Camera di Commercio; l’altro riguarda l’attivazione del Pala Colle dell’Ara nei tempi tecnici utili alla sistemazione dell’impianto e della struttura. Le due soluzioni viaggiano in parallelo, nell’intesa che a fine ottobre il Foro Boario torni nelle disponibilità della Camera di Commercio, come l’ente camerale ci chiede e Colle dell’Ara resti come unico punto vaccinale dello Scalo.

I dati relativi alla città di Chieti destano qualche preoccupazione circa i nuovi contagi e impongono, pertanto, responsabilità da parte di tutti nei comportamenti e un’accelerazione dei vaccini, anche al fine di evitare future restrizioni e il ritorno del territorio in zone di allarme e contingentamento. Lavoreremo insieme perché la situazione non torni ad essere critica, sensibilizzando chi non ha ancora fatto il vaccino affinché lo faccia al più presto, con un occhio particolare ai giovani e ai giovanissimi, ai quali rivolgeremo la nostra prioritaria attenzione, affinché il peso della mancanza di prevenzione non torni a condizionare l’andamento dell’anno scolastico.

Sulla piattaforma Poste è disponibile un’ampia offerta di posti prenotabili, che facilitano notevolmente l’accesso alla vaccinazione, senza attese”.

Nessun Commento

Inserisci un commento