Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/04/2021
HomeAmbienteAlla ricerca della propria dimensione

Alla ricerca della propria dimensione

In passato si diceva che il contadino aveva le scarpe grosse ed il cervello fino: ma questo detto è ancora oggi condivisibile? Avere tanta forza ed essere costanti nel lavoro è sufficiente per portare a casa dei risultati? Il nostro amato scrittore pescinese Ignazio Silone, ad esempio, nonostante si vantasse di essere un terrone e di aver avuto origini contadine, ci presenta nei suoi romanzi la figura di un contadino ignorante, che spesso non riesce a prendersi cura di ciò che ha e che si lascia facilmente abbindolare dai potenti. La letteratura ci ha abituati ad una certa descrizione dell’uomo che lavora la terra. E parlo al maschile perché nel corso della storia la terra è stata il più delle volte lontana dalle donne, a cui spettava invece la cura della casa e dei figli.

Nell’ultimo incontro di Marsica Sharing si è discusso con Manuela Cozzi, una delle principali ideatrici della cooperativa ASCA – bioagriturismo la Porta dei Parchi ad Anversa degli Abruzzi. Manuela, toscana di origine, si è laureata in Scienze agrarie all’Università di Firenze negli anni 80 per poi giungere in Abruzzo con l’intenzione di studiare varie piante aromatiche ed officinali.

Da allora Manuela è rimasta talmente tanto affascinata dalle bellezze naturali della nostra regione che ha deciso di rimanere a vivere ad Anversa. Oggi non siamo abituati a sentire storie di persone che decidono di rimanere in Abruzzo, che vivono qui perché credono in ciò che la nostra terra ha da offrire.

L’obiettivo della Cooperativa ASCA è quello di recuperare un concetto tradizionale di allevamento: estensivo, biologico, con la salvaguardia delle razze rustiche locali. Inoltre la Cooperativa intende valorizzare le aree marginali abruzzesi attraverso la diffusione dell’allevamento ovino, partendo dalle antiche esperienze di realtà limitrofe come Scanno, Castel del Monte e Pescocostanzo. Quella di Manuela è stata una vera e propria lezione di vita, che tutti coloro che desiderano avviare un’azienda agricola dovrebbero riascoltare con attenzione. Oggi bisogna essere consapevoli di una vasta gamma di cose utili per portare avanti la propria azienda e renderla virtuosa: bisogna tener presenti le normative vigenti, bisogna saper leggere e interpretare i bandi regionali, nazionali e europei. Com Manuela abbiamo imparato che la diversificazione dei prodotti è fondamentale per sconfiggere quei parametri economici che vedrebbero le piccole aziende perdenti. È importantissimo quindi essere multifunzionali ed investire su più idee e su più prodotti contemporaneamente. Si deve infine essere capaci di essere diversi da gli altri, poichè la differenziazione porta valore aggiunto.

Per riascoltare l’appuntamento con Manuela della Porta dei Parchi è sufficiente cercare Marsica Sharing su Facebook o YouTube.

Post Correlati

Nessun Commento

Inserisci un commento