Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/22/2021
HomeLa RivistaCultura&ArteLa tenerezza di un Idillio. Richard Wagner e Cosima Liszt

La tenerezza di un Idillio. Richard Wagner e Cosima Liszt

Ci eravamo lasciati affermando che l’Arte nasce da e con l’uomo, il quale descrive con essa emozioni universali, senza tempo.

Tra queste, una in particolare: l’Amore.

Ogni vocabolo di un componimento, ogni singola nota di una partitura, ogni minima sfumatura di un quadro trasuda Amore per qualcuno o qualcosa.

Alle volte si tratta di un Amore infelice, tormentato; altre volte utopico, sfuggente.

Quello di cui parleremo in queste righe è invece un Amore reale, ma soprattutto felice, nato tra un grande genio della musica ed una giovane ragazza: Richard Wagner e Cosima Liszt.

È la mattina di Natale del 1870, e tra le mura color arancio di una dimora in Svizzera si odono armonie delicate, che evocano un’aurora dal cielo di pesca e dolci canti d’uccelli.

È il compleanno di Cosima, e il suo Richard le regala un Idillio, nel loro nido d’Amore, che le riscalda il cuore in un freddo giorno di festa.

Richard Wagner è uno dei più grandi compositori romantici tedeschi; Cosima Liszt è la figlia di un altro genio senza tempo: Franz Liszt, non a caso grande amico e collega di Wagner.

Cosima è molto più giovane di Richard. Quando i due si incontrano per la prima volta, lei ha solo 16 anni mentre lui è un quarantenne già (infelicemente) sposato.

Lei, timida e ben educata. Lui, genio dal carattere travagliato.

Cosima rimarrà subito colpita da quell’uomo, ma passeranno molti anni prima che l’Amore possa sbocciare davvero.

Nel frattempo Wagner viaggia, ama svariate donne (in particolare ha un debole per le mogli dei suoi amici!), e compone, mentre lei sposa un giovane pianista e direttore d’orchestra: Hans von Bülow, allievo di suo padre e grande amico di Richard…!

È a questo punto che le strade dei due tornano ad incrociarsi: Wagner, infatti, sta componendo il suo “Tristano e Isotta”, storia di un Amore vincolato da una promessa di matrimonio, che potrà trovare la sua compiutezza solo nella morte dei due amanti. La produzione immaginata dal compositore è tanto, troppo ambiziosa, quasi impossibile da realizzare; ed è qui che “entra in scena” Hans, il quale offre a Wagner il suo appoggio finanziario e s’impegna a far sì che l’imponente dramma musicale possa vedere la luce.

Intanto, grazie alla frequentazione tra i due, Cosima e Richard si ritrovano, fanno lunghe passeggiate, s’intendono alla perfezione… si innamorano.

È l’inizio di tutto. Diventano di fatto una coppia, ma non possono amarsi alla luce del sole…non fino a quando Cosima rimarrà incinta di Richard.

Nel frattempo Hans, nonostante abbia ormai capito tutto, si ritroverà persino a dirigere la prima assoluta di “Tristano e Isotta”!

In seguito alla nascita del bambino e dopo burrascosi divorzi, i due amanti riescono finalmente ad unirsi in matrimonio e decidono di spostarsi dalla Baviera alla Svizzera, trasferendosi a Tribschen.

Il loro è un Amore lieto: diventano l’una il sostegno dell’altro, e Cosima è incantata dall’Arte di Wagner.

È questa la favola che Richard decanta in musica alla sua amata, nel giorno del suo compleanno; l’”Idillio di Tribschen” (v. link), la storia di un grande Amore destinato a durare in eterno.

Ecco link per l’ascolto: https://www.youtube.com/watch?v=891JUSQplzU

Post Correlati

Nessun Commento

Inserisci un commento