Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


04/22/2021
HomeCalcioEccellenza, lo stato dell’arte: entra l’Angolana, falsa la voce sulle “sanzioni”

Eccellenza, lo stato dell’arte: entra l’Angolana, falsa la voce sulle “sanzioni”

Campionato Eccellenza

Tante le riserve ancora da sciogliere in Eccellenza, mentre si avvicina la data-x del 10 Marzo che ci porterà a conoscere il format del campionato: in Abruzzo, infatti, cresce il numero di società che hanno confermato la loro prossima partecipazione alla ripresa delle attività, con la Renato Curi Angolana che ha da poco dato il suo assenso e si unirà alla “pattuglia” di club già confermati. Gli stessi, ricordiamo, sono l’Avezzano, il Capistrello, il Lanciano, L’Aquila, il Chieti, Il Delfino Flacco Porto, mentre si resta in attesa di notizie dall’Alba Adriatica che aveva rilasciato un “sì con riserva” e le indicazioni di stamattina davano però orientata verso un “no” definitivo. Intorno alle 15.00, comunque, si sapranno le partecipanti definitive al prossimo campionato.

Sul format, dovessero restare queste le società in corsa (dunque sette squadre invece delle venti originarie), si dovrebbe passare ad una formula di andata e ritorno, con il campionato che dovrebbe ripartire da zero. Promozione in Serie D per la prima classificata, mentre la seconda in classifica verrebbe mandata in lista per il ripescaggio: non ci saranno dunque i playoff, come logico aspettarsi con questo numero di club in gioco.

Nel frattempo, ai nostri microfoni, il presidente Ezio Memmo ha fatto chiarezza su di una voce che era circolata ieri e che non corrisponde al vero: non ci sarà, infatti, alcuna sanzione per le società che non riprenderanno il campionato.

Le stesse saranno tenute semplicemente a corrispondere il pagamento della quota di iscrizione del campionato attuale; operazione, questa, che risulta assolutamente logica e legittima se si considera che il campionato sta effettivamente ripartendo. Va ancora sottolineato che il CR Abruzzo ha cercato più volte l’interlocuzione continuativa con le società invece che limitarsi all’invio di una PEC per l’adesione o meno alla ripartenza, provando fino alla fine a rappresentare gli interessi di tutte in sede di LND e di idea di format.

Nessun Commento

Inserisci un commento