Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


03/02/2021
HomeEdizioniSisma 2016, richiesto al Commissario Legnini un incontro urgente per applicazione Ordinanza Cratere Nevoso

Sisma 2016, richiesto al Commissario Legnini un incontro urgente per applicazione Ordinanza Cratere Nevoso

Il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale ha accolto la richiesta inoltrata da Anci Abruzzo per la proroga della scadenza per i cittadini del Cratere Sisma Centro Italia per usufruire dei benefici del CAS ( contributi per autonoma sistemazione)  ora fissata al 28 Febbraio 2021; una nuova Ordinanza del Direttore Angelo Borrelli, in pubblicazione, sancirà formalmente la decisione.

La richiesta era motivata dal permanere della proroga dello stato di emergenza collegato agli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successive repliche,  aggravata dall’attuale crisi collegata all’epidemia da covid-19; una emergenza che ha visto il nostro territorio in zona rossa dal 16 novembre 2020, quando fu istituita dalla Regione Abruzzo; con l’estensione decretata nel DPCM Natale, vi è stato un  impedimento di fatto della presentazione delle domande e la necessità di evitare inutili e pericolosi assembramenti presso gli uffici dei 22 Comuni interessati.

Della proposta si era fatto diretto promotore Gianguido D’Alberto che, come Anci Abruzzo e rappresentante nella cabina di Regia della Ricostruzione dei Comuni del cratere Sisma Centro Italia, aveva segnalato al Commissario Legnini  la necessità di una revisione dell’Ordinanza  n.111 del 23/12/2020, lamentando una serie di  incongruenze  che ne minavano l’efficacia e l’applicabilità .

“Per queste ragioni – dichiara Gianguido D’Alberto –  ho richiesto al Commissario Giovanni Legnini, un incontro urgente, perché  i ristori per i danni da Cratere nevoso 2017 sono di particolare entità e si sommano ai danni del Sisma 2016;  oggi vediamo concretizzarsi la possibilità di pervenire al risultato della erogazione, che però non deve essere bloccato da difficoltà applicative che possono sorgere con l’attuale stesura dell’Ordinanza richiamata”.

Nessun Commento

Inserisci un commento