Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/04/2021
HomeCalcioIl Pescara rimanda ancora il successo: 0-0 all’Adriatico contro il Cosenza, è piena zona retrocessione

Il Pescara rimanda ancora il successo: 0-0 all’Adriatico contro il Cosenza, è piena zona retrocessione

Il Pescara riceve il Cosenza cercando una vittoria che possa rilanciare la classifica del Delfino: proprio i calabresi, infatti, occupano un posto valido per i playout, mentre la zona-salvezza si attesta un punto più in alto. Breda, nonostante le indicazioni della vigilia avessero seriamente messo in discussione la presenza di Ceter, rilancia l’attaccante in prestito dal Cagliari al fianco di Galano: è dunque 3-5-2 con Maistro che scende a centrocampo insieme a Memushaj ed Omeonga, mentre sulle fasce spazio ai “soliti” Bellanova e Jaroszynski: panchina per Nzita. In difesa, confermato il pacchetto Guth-Bocchetti-Scognamiglio, in porta c’è capitan Fiorillo.

Il Cosenza sceglie invece un 3-4-1-2 che vede giostrare in attacco Carretta e Baez (panchina per il giovane Borrelli in prestito proprio dal Pescara) assistiti da Bahlouli. Ben Kone e Sciaudone a centrocampo, con sulle fasce Corsi e Bittante, mentre il trio di difesa è composto da Tiritello, Ioda e Legittimo, perni davanti al portiere Falcone.

Il primo tempo scivola via in modo piacevole: le due squadre stanno molto attente a non scoprirsi ma il Pescara ci prova di più e con ben maggiore intensità. Galano al 5′ spaventa gli ospiti dal vertice sinistro dell’area di rigore, occasioni in serie poi per Jaroszyinski e Memushaj, anche se il vero miracolo della prima frazione è di Fiorillo, decisivo su una gran conclusione di Baez a due passi dalla porta del Delfino. Nel finale di primo tempo, evento chiave con l’espulsione per doppia ammonizione dell’esterno Bittante: il Pescara guadagna così l’uomo in più rispetto al Cosenza per tutta la ripresa.

Il Pescara prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo nel secondo tempo: le occasioni però latitano, con gli ospiti che si chiudono bene e che concedono pochissimo. Si ricorda un gol annullato a Galano per offside, su ottima palla messa in mezzo da Memushaj, ed un buon colpo di testa di Ceter fuori di poco. Il pallino del gioco resta in mano ai padroni di casa ma il Cosenza trovo il modo di mettere paura in contropiede, reggendo così il filo dello 0-0. Assalto finale del Pescara, con dentro anche Vokic e Nzita, ma il portiere Falcone si supera su una conclusione clamorosa di Valdifiori quando mancano appena due minuti allo scadere del match: di lì in poi, doppia occasione ancora per il Delfino con Ceter e Scognamiglio che colpisce addirittura la traversa. con Il Cosenza regge anche sulla punizione di Vokic, fuori di pochissimo a match praticamente terminato, e porta a casa un punto preziosissimo. Il Pescara, invece, delude e rimanda, ancora una volta, l’appuntamento con il successo.

Il Tabellino

Pescara Calcio – Cosenza Calcio 0-0 

Pescara Calcio: Fiorillo; Guth, Bocchetti (11′ s.t. Balzano), Scognamiglio; Bellanova, Omeonga (10′ s.t. Valdifiori), Memushaj (30′ s.t. Vokic), Maistro (11′ s.t. Busellato), Jaroszynski (30′ s.t. Nzita); Galano, Ceter. A disposizione: Alastra, Bocic, Blanuta, Crecco, Ventola, Riccardi, Fernandes. Allenatore: Breda.

Cosenza Calcio: Falcone; Tiritello, Ioda, Legittimo; Corsi (36′ s.t. Bouah), Kone, Sciaudone (36′ s.t. Petrucci), Bittante; Bahlouli (30′ s.t. Ba); Carretta (1′ s.t. Vera), Baez (24′ s.t. Sacko). A disposizione: Saracco, Petre, Borrelli, Bruccini, Gliozzi, Ingrosso, Sueva. Allenatore: Occhiuzzi.

Arbitro: sig. Serra della sezione di Torino

Assistenti: sig.ri Passeri di Gubbio e Massara di Reggio Calabria. Quarto uomo sig. Parterna di Teramo.

Ammoniti: Valdifiori, Maistro (P) – Carretta, Corsi, Ba (C) 

Espulsi: Bittante (C) al 43′ p.t. per doppia ammonizione.

Recupero: 1′ p.t. – 4′ s.t.

Nessun Commento

Inserisci un commento