Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/08/2021
HomePubblica AmministrazioneChieti, capigruppo di maggioranza su gettoni di presenza: “Delibera condivisa da tutti”

Chieti, capigruppo di maggioranza su gettoni di presenza: “Delibera condivisa da tutti”

“Ci fa molto piacere che la delibera sui tagli dei gettoni di presenza dei consiglieri approvata durante l’ultima seduta del Consiglio Comunale sia passata all’unanimità – chiariscono i capigruppo di PD, Chi ama Chieti, Chieti c’è, Movimento 5 Stelle, la lista Ferrara sindaco, la Sinistra con Diego, Chieti per Chieti e Azione Politica – Così come che riscontri un’approvazione talmente ampia che qualche forza di minoranza se la sia anche intestata, prendendosi il merito, anche se è un fatto che  proporla,  istruirla e  portarla in discussione sia stata un’iniziativa della presidenza del Consiglio, condivisa con le forze rappresentate nell’Assemblea, a partire da quelle di maggioranza.
Un mese fa l’intento è stato ufficializzato dal presidente Luigi Febo proprio in una riunione della Capigruppo, con la volontà di vederlo ratificato in aula prima di Natale e così è stato. Merito del Consiglio tutto, a partire dall’Ufficio di presidenza, non solo della Lega, visto che la scelta era talmente trasversale che sin dall’inizio ha avuto il placet di tutti. Questo per dire che quando si hanno pochi argomenti, magari finisce che si vada a pescare dalle buone pratiche degli altri. Saremo stati colpiti dal vedere altrettanta collaborazione e corsa all’approvazione anche con il Rendiconto e con la variazione di bilancio che l’attuale maggioranza ha votato e su cui, invece, la minoranza, Lega in primis, si è tirata indietro attraverso l’astensione, con la speranza, magari, che quelle scelte compiute negli anni addietro, potessero essere magicamente attribuibili ad altri.
L’augurio resta che la dialettica politica accantoni l’arma spuntata della demagogia e delle polemiche, perché non fanno onore a chi le solleva e nemmeno alla città che deve assistervi”.

Nessun Commento

Inserisci un commento