Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/08/2021
HomeCalcioDilettanti, quali le ipotesi di ripartenza? Ecco alcune indiscrezioni estremamente attendibili

Dilettanti, quali le ipotesi di ripartenza? Ecco alcune indiscrezioni estremamente attendibili

Ripartenza, questa parola tanto discussa. Il calcio dilettantistico regionale aspetta e spera di avere novità positive, dopo l’ennesimo DPCM che ha severamente bocciato l’idea di un riavvio: in ogni caso, le attività sportive saranno del tutto ferme fino al 15 Gennaio, questo è certo.

Ma dopo, cosa succederà? Ecco le idee che stanno percorrendo, a vari livelli, le sedi dei comitati dilettantistici regionali in Italia.

La migliore delle ipotesi è un inverno mite, con i contagi che restano presenti ma sotto controllo, magari con i vaccini che iniziano a fare capolino già da gennaio: il 15 Gennaio, alla scadenza del DPCM, si parte con gli allenamenti, ed il 7 Febbraio ripartono i recuperi dei match rinviati. Da lì ad un paio di settimane, via ai campionati, con le leghe dalla Promozione in giù che concludono senza problemi andata e ritorno e l’Eccellenza stessa che in qualche modo ci spera, magari andando oltre il 30 Giugno (per questa ipotesi temporale, badate bene, è assolutamente indispensabile che prima di tutto sia la Lega Nazionale Dilettanti a dare l’ok).

Seconda ipotesi: i contagi si innalzano con la temuta terza ondata. Ripartire a Gennaio è impossibile, si arriva così a fine Febbraio: start ai campionati a metà marzo, cambio di format per l’Eccellenza (sola andata e poi poule scudetto e retrocessione); le speranze di concludere i gironi di andata e ritorno dalla Promozione in giù, però, restano vive.

Terza ipotesi, la peggiore: i contagi rendono impossibile una ripresa fino a Marzo degli allenamenti di gruppo, i campionati riprendono ad Aprile. Cambio di format per l’Eccellenza, come sopra, e forse anche per i campionati inferiori. Si superano i limiti del 30 Giugno senza indugio, sempre con la modifica effettuata prima di tutto dalla LND.

Insomma, le ipotesi sono diverse ma la certezza è una sola: il diktat è concludere i campionati, ad ogni costo, anche andando molto avanti con i limiti temporali ed anche prevedendo modifiche alle competizioni. Ma quello che è iniziato, andrà giustamente concluso. 

Nessun Commento

Inserisci un commento