Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/05/2020
HomeA tu per tuUnion Fossacesia, a tu per tu con Simone Aielli:”Qui mi sono sentito come a casa”

Union Fossacesia, a tu per tu con Simone Aielli:”Qui mi sono sentito come a casa”

[PROMOBOX] • Questo articolo è offerto dalla Farmacia Savelli Piergiorgio di Castelfrentano. La Farmacia Savelli, storica attività locale, vi aspetta per ogni vostra evenienza in Corso Roma 12 ed è contattabile al numero 0872.56128.

A tu per tu con Simone Aielli, l’attaccante dell’Union Fossacesia protagonista nella bella vittoria dei biancorossi contro la Virtus Ortona

Simone Aielli, attaccante lancianese classe 1990, è tra i volti nuovi dell’Union Fossacesia targato 2020/2021 e si sta ritagliando già un ruolo da protagonista nella rosa di mister Massimiliano Memmo. Ieri è anche arrivata la prima rete in biancorosso nel recupero della seconda giornata del girone C contro la temibile Virtus Ortona, sconfitta 2-0 al termine di una partita molto combattuta. Occasione perfetta per una bella chiacchierata con lui. Ecco cosa ci ha detto:

Ciao Simone! Come stai personalmente e calcisticamente parlando?

«Mi sento in grande forma. Non sono ancora al top mas to bene, partita dopo partita recupererò la forma ottimale.»

Com’è stato l’impatto con l’Union Fossacesia?

«Mi sono sentito subito come a casa mi. Prima che arrivasse Vasiu ero il più anziano di tutti e questo mi ha messo un po’ in imbarazzo all’inizio, però la squadra mi ha trattato subito come uno di loro.»

Come vedi questo strano campionato in tempi di Covid?

«Quando sei in campo non ci pensi, ti sembra tutto normale ma quando esci sembra un altro mondo. In campo non è cambiato nulla perché i contatti sono inevitabili. Quando per esempio un tuo compagno o un tuo avversario cade ti viene naturale darli la mano per aiutarlo.»

Propositi per questa stagione?
«L’obiettivo è quello della salvezza e a livello personale mi metto sempre a disposizione, poi decide il mister. Ieri sono stato impiegato da trequartista, ma se devo giocare anche da terzino, mi metterò sempre a disposizione.. Da parte mia c’è sempre voglia di far bene e di giocare. Poi il gol se viene viene l’importante è che vinca la squadra.»

Parliamo un po’ di te: il tuo idolo calcistico a cui ti ispiri?

«Francesco Totti è stato il mio idolo assoluto anche se non giocava nel mio ruolo. Nel mio ruolo invece, ho sempre ammirato Lewandowski, anche se non gli somiglio molto, purtroppo. Mi sono sempre piaciuti anche i “bomber di provincia” come ad esempio Tiribocchi Luca Toni.»

A 30 anni suonati ormai, come giudichi la tua esperienza da calciatore?

«Da quando ho iniziato a giocare a livello dilettantistico mi sono trovato sempre bene. Poi ho avuto due anni in cui mi sono fermato per scelta mia. I miei anni migliori li ho vissuti sicuramente con la Marcianese di mister Antonio Bucci ed è anche grazie a lui sono qui al Fossacesia. Poi credo di aver lasciato sempre un bel ricordo di me ovunque sono andato e non ho rimpianti perché per me il calcio è prima di tutto una passione.»

FOTO: Simona Luciani, ASD UNION Fossacesia pagina Facebook.

Nessun Commento

Inserisci un commento