Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/16/2021
HomeUncategorizedPrime difficoltà per le scuole marsicane con dei positivi al Covid-19: un richiamo alla prudenza

Prime difficoltà per le scuole marsicane con dei positivi al Covid-19: un richiamo alla prudenza

L’avvio dell’anno scolastico ha rappresentato un grande simbolo di ritorno della normalità per la comunità cittadina. Tremendo è ancora il ricordo fra genitori, insegnanti ed alunni della chiusura di tutti gli istituti scolastici, mentre la prima onda della pandemia travolgeva l’Italia, costringendo all’interruzione, senza precedenti in tempo di pace, di tutte le lezioni e bloccando in casa l’intera città.

Ora, con l’avanzare della stagione invernale, appare maggiore la difficoltà nel controllo dei contagi, i cui casi sono in rapido aumento in ogni parte del Paese, con episodi ripetuti anche nella Marsica. Tuttavia, l’anno scolastico è regolarmente partito, quale fondamentale simbolo di speranza nella gestione della crisi e di ritorno ad una vita il quanto più possibile normale.

La presenza di alcuni soggetti infetti nelle scuole, e l’attivazione dei relativi protocolli, rappresentano un importantissimo banco di prova per tutto il sistema sociale. Se, invero, le misure contenitive daranno i loro effetti, potremo guardare alla ripresa futura con maggiore ottimismo. L’esistenza di alcuni positivi, in numero strettamente limitato, non deve scatenare il panico o paura immotivata fra gli studenti ed il corpo docente, essendo largamente prevedibile e contenibile con gli appositi protocolli. Se quest’ultimi, però, dovessero dimostrarsi inefficaci o inattuabili, allora si dimostrerebbe l’ennesimo fallimento del sistema-paese, che porterebbe, con la conseguente sfiducia, ad una crisi ancora più profonda, con possibilità di nuove gravi restrizioni.

Al momento attuale, bisogna evitare facili isterismi, continuando ad adottare comportamenti prudenti e vigili, pronti ad evitare sul nascere il diffondersi di nuovi focolai, senza invocare misure spropositate.

Il prezzo sociale di una nuova chiusura generale, e dell’interruzione delle attività scolastiche in presenza, sarebbe altissimo: coloro che agiscono in modo sprezzante o imprudente verso il virus, però, sembrano non capirlo.

Maggiore prudenza da parte di tutti, per costruire una fiducia diffusa e mantenere i risultati positivi così faticosamente conquistati, rappresenta la chiave per affrontare le sfide che si stanno manifestando.

Avv. Gianmaria A. Ruscitti

QUESTA NOTIZIA TI INTERESSA? ENTRA A FAR PARTE DEL NOSTRO GRUPPO PER RICEVERNE OGNI GIORNO DI SIMILI: CLICCA “MI PIACE” SU CENTRALMENTE MARSICA QUI!

Nessun Commento

Inserisci un commento