Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


08/08/2020
HomeCalcioParla il Presidente della Vis Cerratina: “Necessario abbattere i costi del calcio dilettantistico!”

Parla il Presidente della Vis Cerratina: “Necessario abbattere i costi del calcio dilettantistico!”

Intercettato ai nostri microfoni, il Presidente della Vis Cerratina, Arturo Luciani, ha commentato così la stagione dei giallorossi: “Parlare della stagione sportiva appena conclusa stride col dramma che ha vissuto la nostra nazione in questi ultimi mesi. Il nostro pensiero va innanzitutto a coloro che hanno toccato con mano tali vicende ed a tutti gli addetti ai lavori che hanno permesso all’Italia di rialzarsi. Tornando al calcio giocato, invece, sono contento della positività del nostro risultato spotivo, sia sotto l’aspetto prestazionale con la conferma della seconda posizione, sia sotto l’aspetto societario con il bilancio d’esercizio che ci avviamo a chiudere anche quest’anno in pareggio, confermando la bontà gestionale che ci ha sempre contraddistinti. Tenere in vita una società dilettantistica non è affatto scontato, per la maggior parte delle piccole realtà di paese o di quartiere di grandi città. Al di là di ogni risultato sportivo, è già un successo avviare la stagione e terminarla positivamente. La Vis si appresta a concludere la sua cinquantacinquesima stagione. Il mio ringraziamento va a quanti hanno contribuito in questi decenni al raggiungimento di tale traguardo: dirigenti, giocatori, tecnici. Un pensiero particolare va al nostro infaticabile ed insostituibile direttore generale Sergio Di Sante che sta affrontando in maniera stoica un momento delicato della sua vita. Lo attendiamo più forte di prima”. Sulla situazione del calcio dilettantistico regionale, poi: “Il calcio professionistico dovrebbe prestare più attenzione alla realtà dilettantistica, soprattutto verso le piccole società che rappresentano i primi scopritori dei futuri talenti. Nei professionisti assistiamo a compensi sempre più alti. Dedicare una piccola percentuale in più ai dilettanti non scombussolerebbe alcun bilancio delle squadre professionistiche. Bisogna abbattere il più possibile i costi di esercizio alle società dilettantistiche, come spese d’iscrizione, spese arbitrali, visite mediche, uso degli impianti sportivi. Così facendo molte squadre continueranno il loro prodigioso impegno, in maniera contraria assisteremo alla definitiva scomparsa delle piccole realtà regionali. Noi stiamo ancora attendendo (post Covid) i protocolli per l’inizio della nuova stagione, quando è già tempo d’iniziare a programmare e preparare la rosa. Ci auguriamo vada tutto per il meglio, per tornare a gioire insieme in campo in una stagione che ci vede di nuovo da protagonisti“.

Nessun Commento

Inserisci un commento