Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


07/14/2020
HomeUncategorizedAssociazione Officina 47 L’Aquila, mancato accordo sulla nomina di un referente regionale dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

Associazione Officina 47 L’Aquila, mancato accordo sulla nomina di un referente regionale dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

[PROMOBOX]

Resta a Casa!
Chiamaci allo 0863 416863 oppure al numero verde 800 914 554 e il caffé te lo portiamo noi.

Associazione Officina 47 L’Aquila, mancato accordo sulla nomina di un referente regionale dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

L’Associazione Officina 47 L’Aquila, nata alla fine del 2019, esprime il suo rammarico per il
mancato accordo all’interno del Consiglio Regionale sulla nomina di un referente regionale
dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza.
Come associazione referente dei Tutori Volontari di Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA)
presenti in Abruzzo, ricordiamo che nel 1991 l’Italia ha assunto un impegno fondamentale nella
storia dei diritti di bambini e adolescenti ratificando la Convenzione sui diritti dell’infanzia e
dell’adolescenza, strumento che tutela e promuove i diritti dei minori e delle minori attraverso i
principi-guida dell’interesse superiore dei/lle minori e la non discriminazione di bambini/e e
adolescenti.
L’Autorità Garante, istituita in Italia con la legge 112 del 12 luglio 2011, è nata proprio per dare
piena attuazione e tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti secondo le disposizioni della
suddetta Convenzione. L’articolo 6 della stessa legge stabilisce che le regioni possono istituire, nel
rispetto delle loro competenze e della loro autonomia organizzativa, i Garanti Regionali
dell’Infanzia e dell’Adolescenza, con i quali l’Autorità Garante assicura idonee forme di
collaborazione in materia di politiche attive di sostegno all’infanzia e all’adolescenza.
Ad oggi tutte le regioni hanno nominato un referente regionale, con l’unica eccezione dell’Abruzzo.
Ciò fa sì che, in assenza di un referente regionale, le questioni legate alla promozione dei diritti dei
ragazzi e delle ragazze sotto la nostra tutela continuino a dipendere dall’Autorità Garante
Nazionale, venendo così a mancare la competenza e la responsabilità regionale in merito alle
politiche di sostegno all’infanzia e all’adolescenza.
L’Officina 47 L’Aquila aveva accolto con grande favore la notizia della pubblicazione, il 7 agosto
2019, del bando da parte del Consiglio Regionale dell’Abruzzo per la selezione dei candidati che
intendevano concorrere alla figura Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, nuovo organo
di garanzia istituito dalla regione con la legge 24 del 2018. Dalla scadenza del bando, i continui
ritardi nella procedura di selezione della suddetta figura hanno allarmato i tutori e le tutrici della
nostra regione, finché l’individuazione di una candidatura possibile ha fatto sperare nella
conclusione positiva della questione.
L’esito della votazione del consiglio Regionale ci porta a manifestare profondo disappunto per
un’occasione che riteniamo sia stata persa dalla Regione per individuare una persona che possa
lavorare a fianco dei minori, inclusi i ragazzi e le ragazze migranti sotto la nostra tutela, in difesa
dei loro diritti. Come Tutori, possiamo solo auspicare che la situazione si sblocchi a livello politico
e che si possa collaborare presto con la nuova figura designata.
Associazione Officina 47 L’Aquila

Nessun Commento

Inserisci un commento