Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/30/2020
HomeUncategorizedIl punto del Sindaco Gabriele D’Angelo sull’emergenza Covid-19 a Castel Frentano

Il punto del Sindaco Gabriele D’Angelo sull’emergenza Covid-19 a Castel Frentano

Emergenza Covid-19, parla il Sindaco di Castel Frentano Gabriele D’Angelo

Sono quattro i casi di positività al Coronavirus registrati nel Comune di Castel Frentano ad oggi 8 aprile. A tal proposito abbiamo sentito telefonicamente il Sindaco Gabriele D’Angelo in un’intervista esclusiva per Centralmente.

Sindaco Gabriele D’Angelo ancora un nuovo caso di Coronavirus a Castel Frentano. Come sta lei e come state gestendo questa situazione come amministrazione comunale?
«Sono molto stressato. Questo periodo di quarantena sta diventando molto molto lungo e difficile da gestire, per Castel Frentano e per l’Italia. Certo è giusto rispettare queste norme, ma col passare del tempo è chiaro che si creano disagi  nelle famiglie, ma anche nel lavoro soprattutto in una regione come la nostra e in momento di congiuntura economica. Ed è che questo mi preoccupa di più. Anche da imprenditore, vedere la nostra zona industriale ferma mi fa impressione.»

Per quanto riguarda l’aspetto assistenziale, come procede la distribuzione dei buoni spesa per i nuclei famigliari meno abbienti?
«Abbiamo ricevuto 30/40 domane. Con i criteri che abbiamo stabilito abbiamo voluto privilegiare le famiglie più bisognose e cioè chi non ha lavorato e chi ha un reddito inferiore a 500 euro. Non mi aspetto per adesso molte domande perché quando scadrà questo bando, vorremmo indirne un altro per un’altra platea di reddito. Tutto ciò sarà fatto con la massima trasparenza e spenderemo fino all’ultimo centesimo per i nostri cittadini.»

Quanto alla fase 2 di cui tanto si parla in questi giorni, state già pensando a misure ad hoc per far ripartire l’economia locale, oltre alle misure che saranno varate dal Governo Nazionale?
«Dobbiamo sempre subordinare le nostre scelte in base a quelle degli enti a noi superiori. Il nostro paese essendo prevalentemente residenziale, quindi le attività del paese a mio avviso non dovrebbero subire un grosso danno. Quello che mi preoccupa sarà come regolare le uscite per evitare un’epidemia di ritorno. Chiaramente la limitazione di libertà non è materia di competenza nostra, ma ringrazio le forze dell’ordine per l’attività di controllo che stanno svolgendo, anche se i miei concittadini, nel complesso, si stanno comportando bene. Certo, qualcuno poco incline al rispetto di queste regole c’è sempre ma stiamo intervenendo con la nostra attività di prevenzione e, se necessario di repressione.»

Da Sindaco qual è la cosa che l’ha colpita in positivo e in negativo della sua comunità in questa emergenza?
«Quando c’è bisogno di superare questi momenti di difficoltà ci sono persone che mettono a disposizione il loro tempo e le loro risorse in favore della collettività. Nella nostra realtà ci sono state diverse donazioni da aprte di diverse associazioni del territorio penso per esempio alle iniziative intraprese dalla Virtus Castel Frentano, dall’associazione Amici del Feltrino, dalla Confraternita Monte dei Morti, dal centro anziani “Fraternitas” e tante altre ancora. Il lato negativo è stato qualche critica eccessiva, derivata più che altro dalla mancata conoscenza di certe situazioni.»

A tal proposito, cosa si sente ai suoi cittadini e in particolare alle varie attività commerciali e alle associazioni del territorio?
«È un momento difficile per tutti, in primis per chi è stato colpito dal virus e per le loro famiglie, ma anche per tutto il tessuto economico e sociale del territorio. è momento di stringere i denti. Prima bisogna sconfiggere il virus e quando sarà almeno circoscritto, tornerà il sole e apprezzeremo ancor di più ciò che abbiamo.»

Nessun Commento

Inserisci un commento