Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/30/2020
HomeCalcioCuore Memushaj: “Per noi albanesi l’Italia è come una seconda casa”

Cuore Memushaj: “Per noi albanesi l’Italia è come una seconda casa”

Con l’intero sport italiano ancora fermo, sulla falsariga del paese, i riflettori si spostano sui social e sui canali ufficiali delle singole squadre. Ieri, ad esempio, il centrocampista albanese del Delfino, Ledian Memushaj, è intervenuto in una diretta Instagram per scambiare due chiacchiere attraverso il canale del noto esperto di mercato, Gianluca Di Marzio. Queste le parole più importanti del calciatore biancazzurro, che ha anche sottolineato il bel legame instaurato negli anni fra Italia ed Albania: “Il discorso del presidente Edi Rama è stato veramente toccante, mi è venuta la pelle d’oca. Anche se siamo un paese in crescita, siamo un paese povero. Che, con quel poco che ha, prova comunque ad aiutare gli altri, soprattutto l’Italia che per noi è una seconda casa. C’è un grande rapporto tra Italia e Albania, da noi si vedono tutti i canali televisivi italiani, siamo cresciuti così e in molti hanno imparato l’italiano, è come una seconda nazione. Nella seconda metà degli anni ’90 era un momento di guerra, accadeva di tutto, tanta gente era scappata in Italia, io fortunatamente avevo mio padre che lavorava, ma poi sono arrivato anch’io nel Paese più bello del mondo. Ho passato più anni qui che in Albania, mi sento anche italiano. A 15 anni ero a La Spezia, anche se giocavo in giro per l’Italia: il Picco è stato il primo stadio che ho vistoOra non è il momento di parlare di calcio o stipendi, bisogna venire incontro allo Stato e tutti dobbiamo fare un passo in avanti, se dobbiamo rinunciare a qualcosa per lo Stato o per le società, lo faremo volentieri. Negli scorsi mesi, forse, il virus è passato anche da qui: a gennaio e febbraio avevamo tanti giocatori con l’influenza, poi anche persone dello staff, era una situazione strana che non era mai successa, volevamo dare un esempio e siamo scesi in campo con le mascherine. Secondo me il virus è arrivato nella nostra squadra, però non ci hanno fatto i tamponi, ero contento che si fosse fermato tutto. Ora mi alleno con una cyclette che ho preso dal centro sportivo. Stare a casa è dura perché ci sono belle giornate, ma bisogna rispettare le regole. Poi tanto a rallegrarci ci pensa su Whatsapp Bojinov: non smette mai di scrivere, è troppo simpatico e si è inserito bene. Chi lo sa se riprenderemo a giocare. Penso che si farà di tutto per ripartire, il calcio è imporante in Italia anche a livello economico, non solo per i calciatori ma anche per gli addetti”.

 

Per ricevere le notizie della tua zona direttamente su Whatsapp, invia “ISCRIVIMI” al 350 1342914 seguito dalla squadra che ti interessa (es. “Iscrivimi Pescara Calcio”, “Iscrivimi Avezzano Calcio” etc..) e poi salva il numero nella tua rubrica! 

Il servizio è completamente GRATUITO e per smettere di ricevere notizie basta inviare un messaggio con scritto “Stop”!

Nessun Commento

Inserisci un commento