Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


04/05/2020
HomeMarsicaCovid-19 nella Marsica, il sindaco D’Orazio (San Benedetto dei Marsi): “Il 3 Aprile una data decisiva, ora…”

Covid-19 nella Marsica, il sindaco D’Orazio (San Benedetto dei Marsi): “Il 3 Aprile una data decisiva, ora…”

[PROMOBOX]

L’articolo che segue è offerto da L’Osteria di Corrado di Avezzano. 

Il locale propone, dal 2004, la sua cucina espressa improntata sulla genuinità e sulla tradizione italiana, accogliendo in un ambiente raccolto, arredato con la passione per l’originale e per i particolari d’altri tempi, supportato dall’ascolto soffuso di musica di qualità. Spazio ampio ai vini di difficile reperibilità, offerti da piccoli produttori, molto spesso impegnati nel biologico e/o biodinamico.

La cucina apre per il pranzo, con una formula più snella e “veloce”, anche nel prezzo.

L’Osteria di Corrado si trova nel centro di Avezzano (AQ), in via Garibaldi 126. Info: 3663886832

E’ preoccupato ma attivo e pronto a reagire, Quirino D’Orazio, sindaco di San Benedetto dei Marsi: il coronavirus sta seriamente mettendo in difficoltà la Marsica, con il numero dei contagi che si fa crescente, sebbene non al livello di altre zone d’Abruzzo come il pescarese.

L’avvocato D’Orazio è sin da subito chiaro: “Nella nostra cittadina ci sono tre persone che sono state rilevate come positive al Covid-19, più due di cui aspettiamo l’esito del tampone. Posso garantire sin da ora, però, che domani uno dei “positivi” farà ritorno a casa: sarebbe potuto tornare già da oggi, ma la sua famiglia è in isolamento precauzionale. Questo isolamento finirà domani, così la famiglia potrà lasciargli la casa ed andare momentaneamente ad Ortucchio. Siamo molto contenti di questa notizia“.

Sulla situazione relativa alla sua Giunta, D’Orazio spiega: “Sono un sindaco fortunato. Devo ringraziare la mia squadra, oltre alla Protezione Civile posso contare su 40 volontari che presidiano 24 ore su 24 il Comune per renderlo attivo praticamente sempre e per aiutarmi nello stare vicino ai cittadini. Abbiamo poi un COC (Centro Operativo Comunale) che è aperto su due livelli, il primo come supporto per la sicurezza dei cittadini in questi momenti, il secondo per la loro salute: interveniamo direttamente con i medici di base, fornendo addirittura ai cittadini i medicinali di cui hanno bisogno. Sono proprio i dottori a verificare che i medicinali che procuriamo ai cittadini sono quelli di cui loro hanno effettivamente bisogno. Insomma, stiamo facendo davvero il massimo per tenere la situazione in pugno, ed al momento è tutto sotto controllo”. 

Sull’origine dei casi, ovviamente, D’Orazio non intende esporsi: “Non posso davvero sapere da dove possa essere iniziato tutto nella nostra zona. Magari da un marsicano che l’ha preso e l’ha portato in giro, ma potrebbe anche esser stato qualcuno proveniente da un’altra Regione: insomma, non ci si può davvero esporre al riguardo”. 

Ultima battuta sulla possibile durata delle misure: “Spero ovviamente che il 3 Aprile qualcosa possa cambiare, ma la vedo lunga. Questo periodo sta creando problemi infiniti alle nostre Partite IVA ed alle nostre aziende, temo tantissimo per loro. Dobbiamo essere consci, però, che il virus non è ancora arrivato al picco: credo se ne parlerà tra una decina di giorni, e poi dovrà tornare dove è ora, e poi abbassarsi ancora. Insomma, temo che ci sia poco da sperare per il mese di Aprile. Mi auguro, ovviamente, che qualche cambiamento per quanto concerne le misure e la riapertura di alcune attività, ci sia già dal prossimo 3 Aprile a fronte di una situazione molto più sicura con il virus: quella diventa una data importantissima per tutti noi”.  

Per ricevere le notizie della tua zona direttamente su Whatsapp, invia “ISCRIVIMI” al 3501342914 seguito dal paese che ti interessa (es. “Iscrivimi Pescara”, “Iscrivimi Avezzano” etc..) e poi salva il numero nella tua rubrica! 

Il servizio è completamente GRATUITO e per smettere di ricevere notizie basta inviare un messaggio con scritto “Stop”!

Nessun Commento

Inserisci un commento