Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


03/30/2020
HomeSportAncora una stretta, il Governo vieta lo sport all’aria aperta. A meno che…

Ancora una stretta, il Governo vieta lo sport all’aria aperta. A meno che…

[PROMOBOX]

L’articolo che segue è offerto dagli innovativi monopattini elettrici di Ethicled. 

La bella stagione, nonostante tutte le brutte notizie degli ultimi giorni, sta per tornare: con questa, e con il sole che scalderà le nostre giornate, poche cose saranno ecologicamente al passo con i tempi e divertenti come sfrecciare sui monopattini elettrici di Etichled; per il divertimento dei più piccoli, certamente, ma anche per chi vuole apparire modaiolo ed al passo con i tempi.

Non facciamoci abbattere dal virus e prepariamoci a tornare a vivere le nostre giornate, soprattutto con un aiuto decisivo della bella stagione: che aspettate a prenotare il vostro monopattino elettrico Ethicled? 

 Info/prenotazioni: 333.8590639 per tutta la Regione Abruzzo. 

Ancora una stretta, il Governo vieta lo sport all’aria aperta. A meno che non sia fatto a ridosso della propria casa.

Arriva la nuova stretta del Governo per contrastare l’epidemia di Covid-19, attraverso l’ordinanza firmata nella serata di ieri dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Ecco, in sunto, l’insieme delle nuove normative che sono valide dalla mattina di oggi fino al prossimo 25 Marzo (salvo proroghe che, molto probabilmente, ci saranno).

• Sport: soli e vicino casa

Dopo tante discussioni, arriva la stretta sullo sport: “Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto” sancisce l’ordinanza, se non per “svolgere individualmente attività motoria nei pressi della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona”. Sancito anche il divieto di accesso a “parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”.

• Alimentari: chiusi quelle nelle stazioni 

Chiudono, con la nuova ordinanza, anche gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande nelle stazioni ferroviarie e nelle aree di servizio. Potranno rimanere aperti solo quelli situati lungo le autostrade, con obbligo però di vendere solo prodotti da asporto (che verranno consumati obbligatoriamente fuori dal locale). Esclusi dalla nuova misura anche bar e ristoranti che si trovano in ospedali ed aeroporti, sempre con l’obbligo, però, del rispetto del metro di distanza tra le persone.

• Seconde case

A partire da oggi, è espressamente vietato “ogni spostamento verso le abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza“.

Nessun Commento

Inserisci un commento