Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


03/30/2020
HomeUncategorizedCoronavirus, il recapo di oggi: guarigioni, è boom! Primi segnali positivi, ma i morti…

Coronavirus, il recapo di oggi: guarigioni, è boom! Primi segnali positivi, ma i morti…

[PROMOBOX]

L’articolo che segue è offerto dagli innovativi monopattini elettrici di Ethicled. 

La bella stagione, nonostante tutte le brutte notizie degli ultimi giorni, sta per tornare: con questa, e con il sole che scalderà le nostre giornate, poche cose saranno ecologicamente al passo con i tempi e divertenti come sfrecciare sui monopattini elettrici di Etichled; per il divertimento dei più piccoli, certamente, ma anche per chi vuole apparire modaiolo ed al passo con i tempi.

Non facciamoci abbattere dal virus e prepariamoci a tornare a vivere le nostre giornate, soprattutto con un aiuto decisivo della bella stagione: che aspettate a prenotare il vostro monopattino elettrico Ethicled? 

 Info/prenotazioni: 333.8590639 per tutta la Regione Abruzzo. 

Coronavirus, i dati di oggi: boom di guarigioni, ma i morti…

Consueta conferenza stampa da parte della Protezione Civile, che ha snocciolato i dati odierni relativi alla problematica del Coronavirus che sta attanagliando la nostra nazione (sebbene non sia stata calcolata ancora la Regione Campania, che non è arrivata in tempo per il recap quotidiano).

Dati che, secondo quanto riportato dal Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, possono almeno in parte rincuorare gli italiani: sono infatti ben 1084 i guariti di oggi (4025 in totale, incremento del 37% rispetto al valore valore precedente), numero mai toccato nella nostra nazione dall’inizio dell’epidemia. Crescono, purtroppo, anche i morti: sono ben 475 nella giornata di oggi.

Scendono i contagiati rispetto all’incremento di ieri: davanti ai quasi 3.000 del 17 Marzo, infatti, oggi ce ne sono “soltanto” 2.648 (28.710, al momento, il totale dei guariti). Il trend di crescita è dunque più o meno stazionario.

Qualche dato in più riguardo il discorso epidemiologico: il virus continua ad essere un pericolo costante per le persone più fragili della nostra rete sociale. La differenza di età tra chi decede e chi viene ricoverato è attualmente vicina ai 15 anni di differenza: la realtà di questo virus, dunque, è. Il numero più alto di decessi è tra gli 80 e gli 89 anni.

Non è tutto: importantissime le patologie pregresse (fibrillazione artiale, ictus, cancro, insufficienza renale, ipertensione arteriosa, demenza, diabete mellito etc…) nella mortalità, dato che il 48,5% delle persone decedute hanno 3 o più patologie, il 25.6% ha 2 patologie ed un ultimo 25.1% ha una patologia. Solo lo 0.8% non ha patologie pregresse.

Ultimi dati anche per le persone che sono deceduto con meno di 50 anni: decisive, anche in quei casi, le patologie pregresse, che rendono particolarmente fragili quei contagiati.

Sui tipi di sintomatologia, per i casi gravi (solitamente da ricovero), ecco febbre, dispnea e tosse.

Nessun Commento

Inserisci un commento