Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


03/30/2020
HomeCalcioL’Aquila 1927 non si ferma più! Steso anche il Mosciano

L’Aquila 1927 non si ferma più! Steso anche il Mosciano

[PROMOBOX]

L’articolo che segue è offerto da L’Osteria di Corrado di Avezzano. 

Il locale propone, dal 2004, la sua cucina espressa improntata sulla genuinità e sulla tradizione italiana, accogliendo in un ambiente raccolto, arredato con la passione per l’originale e per i particolari d’altri tempi, supportato dall’ascolto soffuso di musica di qualità. Spazio ampio ai vini di difficile reperibilità, offerti da piccoli produttori, molto spesso impegnati nel biologico e/o biodinamico.

La cucina apre per il pranzo, con una formula più snella e “veloce”, anche nel prezzo.

L’Osteria di Corrado si trova nel centro di Avezzano (AQ), in via Garibaldi 126. Info: 3663886832

I Rossoblù allungano la striscia di risultati utili consecutivi e portano a casa un’ altra bella vittoria. Ecco la cronaca del match apparsa sulla pagina Facebook dell’Aquila 1927.

L’AQUILA 1927-MOSCIANO 4-1
Prova di forza e carattere dell’Aquila che – tra le mura amiche del “Gran Sasso-Acconcia” – prima va sotto, poi esce alla distanza e regola 4-1 il Mosciano.
Qualche novità nel 4-3-3 di Cappellacci: panchina per Di Francia e Di Norcia, coppia di centrali formata da Zanon e D’Amico, in mediana si rivede Rampini, davanti il tridente Maisto-De Angeli-Pizzola.
Bogliari risponde disponendo il suo Mosciano con un quadrato 4-4-2 che vede Africani e Martinelli riferimenti offensivi.
L’Aquila sporca il taccuino al sesto: Zanon pennella da calcio di punizione e pesca De Angelis, colpo di testa bloccato da Ragni ma il gioco era fermo.
Al nono il Mosciano affonda il colpo e si porta in vantaggio. Traversone di Rinaldi dalla sinistra, stacco e girata di testa di Africani che indirizza sul palo lontano e batte Ranalletta.
Poco oltre la metà della frazione ci prova Catalli dai venti metri: Ragni blocca senza affanni.
Al trentatreesimo una fiondata di La Selva dal vertice alto dell’area dà soltanto l’illusione del gol.
Tre giri di lancette ed i rossoblù pervengono al pareggio: Kala sbaglia il controllo, La Selva recupera palla e dal limite dell’area arma un diagonale imprendibile per Ragni.
Trovato il pari, L’Aquila insiste.
Dapprima ci prova De Angelis con un destro a giro, sfera a lato; poi La Selva prova la soluzione di potenza dal limite mancando di poco il bersaglio grosso.
Ripresa.

All’ottavo L’Aquila ribalta il risultato con l’invenzione di Maisto: tocco sotto da posizione defilata, il pallone bacia la parte interna del palo alla sinistra di Ragni e si insacca in rete.
I rossoblù triplicano al ventesimo: Pizzola (da poco entrato) ruba palla a Francia al limite dell’area, entra nei sedici metri, scarta anche Ragni e deposita nella porta rimasta sguarnita.
Mosciano stordito, passano due minuti e L’Aquila fa poker al culmine di una azione insistita rifinita da Pizzola e conclusa in rete da Catalli.
Di qui alla fine L’Aquila amministra la partita senza patemi e porta in porto la tredicesima vittoria consecutiva.
Mercoledì i rossoblù torneranno in campo, ancora in casa, per la partita di Coppa con l’Ovidiana Sulmona, domenica invece spazio alla trasferta di campionato con il Celano.

Nessun Commento

Inserisci un commento