Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


11/20/2019
HomeL'AquilaCultura L'AquilaIn concerto a L’Aquila il “Credo” dell’Orchestra di Piazza Vittorio

In concerto a L’Aquila il “Credo” dell’Orchestra di Piazza Vittorio

Torna a L’Aquila la celebre Orchestra Di Piazza Vittorio, formazione che dal 2002 rappresenta una realtà unica nel suo genere multietnico e nel linguaggio musicale universale. Ancora una volta nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, l’Orchestra di Piazza Vittorio si esibisce in questa occasione al Ridotto del Teatro Comunale, domenica 27 ottobre con inizio alle ore 18 e presenta “Credo” un concerto sul dialogo interreligioso.

Trovare un significato musicale all’espressione “dialogo interreligioso” è quello che si propone “Credo”, oratorio su testi scritti e scelti da José Tolentino Mendonça, con musiche originali dell’Orchestra di Piazza Vittorio diretta da Mario Tronco, insieme a pagine di Rossini, Britten, de Machaut, ma anche canti sufi ed altri religiosi elaborati. Il relativo CD è stato pubblicato nel 2016.

Si tratta di un lavoro per nove interpreti di provenienze completamente diverse che prevede, tra l’altro, l’utilizzo di strumenti particolari come la kora, un’arpa-liuto diffusa in buona parte dell’Africa occidentale, o l’oud, strumento arabo della famiglia dei liuti, accanto a “voci” più familiari come il violoncello, il basso elettrico, o l’organo, punto fermo della produzione sacra occidentale, senza negarsi il gusto di qualche intervento elettronico.

Ne scaturisce una preghiera confidenziale, certamente non rituale. Un lavoro composito che non si può incasellare in uno stile preciso, perché proprio nella commistione dei linguaggi trova la sua ragione d’essere. Una scommessa che cerca di tenere insieme continenti diversi, con le loro culture, i loro suoni e la loro storia. E forse proprio in questo sforzo “Credo” trova il suo momento di maggiore attualità.

Nessun Commento

Inserisci un commento