Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/12/2019
HomeChietiAl Campus di Chieti il convegno: “Il Patrimonio culturale costiero – Politiche e progetti per la tutela e la valorizzazione”

Al Campus di Chieti il convegno: “Il Patrimonio culturale costiero – Politiche e progetti per la tutela e la valorizzazione”

Si terrà giovedì 24 ottobre, con inizio alle ore 9,30, presso l’Aula magna “G. Bettoni” (Dipartimento di Farmacia) nel Campus Universitario di Chieti, il convegno sul tema “Il Patrimonio culturale costiero – Politiche e progetti per la tutela e la valorizzazione”, organizzato dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara, diretto dal prof. Paolo Fusero.
Dopo i saluti del prof. Stefano Trinchese, Prorettore con delega ai rapporti con enti e istituzioni culturali, ci sarà una tavola rotonda introdotta dal prof. Roberto Mascarucci, ordinario di Urbanistica presso la “d’Annunzio”, con la partecipazione, tra gli altri, dell’assessore regionale Nicola Campitelli, dei rappresentanti delle Regioni Marche e Puglia e del Sindaco di Vasto, Francesco Menna. Nel pomeriggio ci saranno importanti contributi di ricerca da parte di docenti della “d’Annunzio”, del Politecnico di Bari, del Politecnico delle Marche e delle Università di Ferrara e di Napoli.
<Il valore del patrimonio culturale costiero – spiega il prof. Matteo Di Venosa, associato di Urbanistica presso la “d’Annunzio” e coordinatore scientifico del convegno – risiede non solo nella qualità intrinseca degli episodi costruiti e naturali ma anche nelle relazioni morfologiche, sociali e culturali che tali beni instaurano con i paesaggi in cui si inscrivono. > Alla discussione di tali tematiche è dedicato questo convegno che coinvolgerà i rappresentanti delle amministrazioni centrali, regionali e locali (Dipartimento per la Coesione, le Regioni Abruzzo, Marche e Puglia, il Comune di Vasto) e gli studiosi di alcune importanti Università adriatiche, cioè quelle di Bari, Ferrara, Ancona e Chieti-Pescara.

Nessun Commento

Inserisci un commento