Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/30/2020
HomeChietiParte in musica l’estate di Miglianico: dall’1 al 3 Luglio al via la rassegna “Note nel borgo”

Parte in musica l’estate di Miglianico: dall’1 al 3 Luglio al via la rassegna “Note nel borgo”

Si chiama “Note nel Borgo” ed è la prima iniziativa dell’estate 2019 di amministrazione comunale e Pro Loco di Miglianico, che coniugano l’amore per le sette note dei miglianichesi con la valorizzazione del borgo antico del paese, che da tempo è interessato da una serie di interventi edilizi ed urbanistici che ne recupereranno la centralità strategica. Si tratta di una tre sere di eventi musicali di grande interesse che si terranno tutti alla Casa delle Monache “Sant’Anna”, in via Sud, la “casa della cultura” nata dall’ex asilo comunale, ristrutturato ed inaugurato l’anno scorso.

Ad aprire “Note dal Borgo” sarà, lunedì 1 luglio, alle ore 19.00, il Saggio di fine anno della Scuola Monteverdi – Sezione di Miglianico, che presenterà il meglio della scuola di musica frequentata da moltissimi piccoli miglianichesi che hanno già dato prova di grande versatilità e capacità nel corso dell’anno accademico appena trascorso. Martedì 2 luglio, alle 21.00, sarà la volta del “Cuneman 5tet”, un ensemble con Fabio Della Cuna al sassofono, Jorge Ro alla tromba, Francesco Di Giulio al trombone, Giuseppe Iubatti al contrabbasso e Luca Di Battista alla batteria. Il programma si chiuderà mercoledì 3 luglio, sempre alle 21.00, con il Concerto de “Gli ottoni di Claudio”, che vedrà la partecipazione straordinaria del tenore Nunzio Fazzini.

«Aprire la stagione estiva – ha dichiarato Fabio Adeziocon la musica e portarla nel nostro borgo antico è quanto di meglio potessi immaginare per questo primo impegno da riconfermato sindaco di Miglianico: la musica, come ogni forma d’arte che esprime bellezza, è un elemento unificante che plasma i cittadini educandoli all’armonia. Inoltre, l’idea di utilizzare la Casa delle Monache rinsalda i legami della cittadinanza con questo luogo che è magico per tutti noi che ci abbiamo frequentato gli anni dell’asilo ed è anticipatore di tutti i progetti in cantiere che torneranno a rendere il borgo antico di Miglianico centro di tutto il paese».

Nessun Commento

Inserisci un commento