Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/20/2019
HomeL'AquilaCultura L'AquilaL’Aquila, “Proteggiamo il cuore della ricostruzione”

L’Aquila, “Proteggiamo il cuore della ricostruzione”

Arrivano i cardiologi in centro storico, a bordo di un camper attrezzato per la diagnostica, per controllare gratuitamente il cuore degli operai edili impegnati nei cantieri della ricostruzione. L’iniziativa “Proteggiamo il cuore della ricostruzione”, che si svolgerà l’11 e 12 giugno dalle ore 16.00 alle ore 20.00 in piazza Duomo a L’Aquila, nasce da una collaborazione tra ANCE L’Aquila e Rotary Club Gran Sasso d’Italia.
Ci sono cuori che battono dietro il clangore meccanico che da dieci anni segna il ritmo della ricostruzione che avanza e di questi la città dovrebbe avere cura. Spesso gli operai subiscono in maniera inconsapevole le conseguenze di un mestiere fisicamente impegnativo che si svolge sotto qualsiasi situazione climatica, anche estrema, come il caldo dei mesi estivi o le rigidità invernali” – Avvisa il dott. Claudio Corridoni, cardiologo e Presidente del Rotary – “Inoltre un’alimentazione disordinata e spesso inappropriata, abitudini malsane, fumo e stress psicofisico, a cui tutti oggi siamo sottoposti, sono elementi che accrescono il rischio di patologie del sistema cardio circolatorio e sono nello stesso tempo estremamente diffusi e quindi considerati molto minacciosi dagli esperti”. L’iniziativa si rivolge alle maestranze dell’edilizia per dare un segno di grata vicinanza e avviare una campagna di prevenzione mirata.  L’evento consisterà in controlli clinici e strumentali effettuati gratuitamente dai cardiologi Alessandro D’Aroma e Giovanni De Bernardinis, soci del Club, a bordo di una unità mobile di prevenzione sanitaria messa a disposizione dal Distretto rotariano 2090 in grado di portarsi direttamente sul luogo e dotata di strumenti per elettrocardiogramma ed ecografia.
Un’ulteriore accortezza preventiva nel cantiere a più alta concentrazione in Europa di cantieri e a più bassa incidenza di infortuni sul lavoro con mortalità zero. Per una ricostruzione sana e a pieno ritmo.

Nessun Commento

Inserisci un commento