Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/23/2019
HomeTeramoCronaca TeramoTeramo, Gianguido D’Alberto è commissario ad acta per la discarica “La Torre”

Teramo, Gianguido D’Alberto è commissario ad acta per la discarica “La Torre”

La Regione Abruzzo ha nominato il Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto commissario ad acta per la discarica La Torre.  L’incarico è finalizzato all’attuazione delle misure di messa in sicurezza, propedeutiche alla chiusura definitiva del sito.

La designazione giunge dopo l’importante stanziamento erogato nell’ottobre scorso dalla precedente giunta regionale, dopo anni di attesa e una serie di vicissitudini che avevano reso la vicenda particolarmente intricata. L’amministrazione comunale, che sin dall’insediamento si era ripetutamente adoperata per raggiungere l’obiettivo, tramite il Sindaco Gianguido D’Alberto e l’Assessore Valdo Di Bonaventura, aveva ricevuto la comunicazione di uno stanziamento di 2.600.000 euro, nel quadro del programma complessivo degli interventi con risorse del “Masterplan – Patto per il sud”, che interessa altre discariche abruzzesi.

La nomina del Sindaco a Commissario e la disponibilità dei fondi, consentono ora di dare una accelerazione alla decennale vicenda, nella quale sono intercorsi anche aspetti di natura giudiziaria. Dopo il crollo della discarica, nel 2006, venne dichiarato lo stato di emergenza e l’allora presidenza del consiglio stanziò due milioni per i lavori di messa in sicurezza del sito. Ma quei lavori non sarebbero stati eseguiti come da progetto esecutivo perché, secondo la Procura, sarebbe stato fatto meno di quanto previsto. L’inchiesta nacque dalle denunce del comitato dei residenti di contrada La Torre, che da anni continuano a battersi per la chiusura dell’impianto.

Ma, aldilà delle vicende giudiziarie, l’attivazione delle procedure per la chiusura del sito rappresenta la risposta ad una situazione che stava assumendo proporzioni preoccupanti, soprattutto sotto il profilo ambientale.

Il Sindaco Gianguido D’Alberto, che aveva inserito la necessità di trovare una soluzione definitiva per la discarica La Torre tra le priorità del suo programma dichiara: “Ringrazio la giunta regionale che ha risposto con sensibilità alle nostre sollecitazioni, dando seguito alle premure da noi rappresentate; ma ringrazio anche la giunta regionale precedente che aveva fatto propria la necessità di favorire i processi di chiusura del sito. Il provvedimento rende ragione delle richieste dei residenti, delle attese dei cittadini e della volontà della stessa amministrazione, che in tal modo potrà colmare una lacuna e cominciare a risanare un sito particolarmente compromesso, in termini ambientali. Lo smaltimento del percolato, negli anni passasti, ha pesato gravemente sulle casse comunali, anche a causa di una gestione scellerata determinata dall’affidamento diretto da parte della precedente amministrazione comunale. Ora si intravvede la possibilità di mettere la parola fine a questa complessa vicenda, sebbene la strada da percorrere sia ancora impegnativa”.

Nessun Commento

Inserisci un commento