Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


09/18/2019
HomeIntrattenimento9 Maggio 1921: la prima di “Sei Personaggi in cerca d’autore”

9 Maggio 1921: la prima di “Sei Personaggi in cerca d’autore”

Il 9 maggio del 1921 veniva rappresentato per la prima volta al Teatro Valle di Roma “Sei Personaggi in cerca d’autore”, tra le opere più famosa e rappresentative di Luigi Pirandello. Composta nello stesso anno con una successiva edizione definitiva nel 1925, che vede l’aggiunta della prefazione dove l’autore ne chiariva la nascita, gli intenti e le tematiche fondamentali.
Nel dramma viene alla luce la contraddizione e la discordanza tra l’attore e il personaggio, e di conseguenza l’impossibilità di farne una sola unità. L’opera è la prima della trilogia del “Teatro nel Teatro”, composta da “Ciascuno a suo modo” e “Questa sera si recita a soggetto”.
L’obiettivo di Pirandello è di mettere in scena il teatro stesso, l’evento teatrale, il processo interpretativo. L’incomunicabilità è il nucleo tematico che sviluppa tutto il dramma. Molte sono le divagazioni metanarrative che creano un senso di straniamento nello spettatore, che non riesce ad immedesimarsi nella vicenda.
Una compagnia di attori prova la commedia “Il giuoco delle parti” su un palcoscenico di un teatro, quando improvvisamente irrompono sulla scena sei strani individui: un padre, una madre, il figlio, la figliastra, il giovinetto e la bambina, tutti personaggi rifiutati dallo scrittore che li ha creati e concepiti. Irrompono chiedendo al Capocomico di dare loro vita artistica e di mettere in scena il loro dramma, la loro storia. Tutti i personaggi raccontano la loro storia che si fa intricata e complicata. La commedia si conclude con il capocomico scontento del finale, così caccia i sei personaggi dal teatro che nuovamente sono in cerca d’autore.
Abbiamo tutti dentro un mondo di cose: ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch’io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno per sé, dal mondo com’egli l’ha dentro? Crediamo di intenderci; non ci intendiamo mai!

Link: https://www.youtube.com/watch?v=kjpfKafnPMk

Edizione del 1965, di Romolo Valli, Rossella Falk.

Nessun Commento

Inserisci un commento