Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


06/26/2019
HomeCalcioA tu per tu con il condottiero del Mutignano Calcio: Gabriel Petre

A tu per tu con il condottiero del Mutignano Calcio: Gabriel Petre

Gabriel Petre, stella del Mutignano Calcio e simbolo di estrema professionalità, si è fatto intervistare dai microfoni di Centralmente Sport. 

Siamo riusciti a farci rilasciare un’intervista da Gabriel Petre, simbolo di un Mutignano Calcio che è riuscito a salvarsi con una giornata di anticipo. Abbiamo parlato della squadra in particolare, dei progetti futuri, cercando di capire i diversi obiettivi da perseguire. Ecco le sue parole, in esclusiva per i lettori di Centralmente Sport dopo la partita contro il Pucetta: “Domenica è stata una partita difficile, soprattutto psicologicamente, perché su un campo difficile come quello del Pucetta non è facile vincere. Il match sembrava andare nel modo giusto, però nel calcio se non sfrutti subito le occasioni vieni punito. Infatti, il vantaggio del Pucetta ci ha demoralizzato, ma alla fine siamo stati bravi a ribaltare il risultato“. Sulla chiamata del Mutignano Calcio: “La prima volta che mi ha chiamato il Mutignano dissi di no, anche perché avevo altre offerte. Però poi, parlando con alcune persone, mi dissero che era una società seria e che, nonostante tutto, ti tratta in modo tale da giocare in serenità. Poi a me piacciono le sfide e ho dato il mio contributo alla squadra per avere una salvezza anticipata, dimostrando che se ci credi tutto è possibile”. Su mister Di Renzo: “Il mister è una persona speciale, uno dei pochi che ha saputo gestirmi e farmi giocare tranquillo. È una persona importante per me, ho imparato tanto da lui, ma soprattutto, mi ha fatto diventare una persona migliore. Non smetterò mai di ringraziarlo. Sugli obiettivi della stagione: “Il mio obiettivo era la salvezza e penso che il periodo che ho passato al Mutignano non lo dimenticherò mai, perché ho avuto tante difficoltà e ho stretto i denti fino alla fine trovando un gruppo meraviglioso che mi ha accolto dal primo giorno e mi ha fatto sentire all’interno di una famiglia, sono felice di aver fatto questa scelta a Dicembre“.

Nessun Commento

Inserisci un commento