Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


06/06/2020
HomeCalcioCoppa Italia, Casalbordino duro a morire, ma il Lanciano la spunta 1-0 e va in finale!

Coppa Italia, Casalbordino duro a morire, ma il Lanciano la spunta 1-0 e va in finale!

La rete allo scadere di Boccanera porta i frentani allo scontro con il San Gregorio del 25 aprile

Il sogno è quello di portare a casa il “triplete” dei dilettanti (campionato, Coppa Italia e Coppa Mancini). Un progetto realizzabile per il Lanciano Calcio 1920, che stende 1-0 in casa il Casalbordino nella semifinale di Coppa Italia dedicando il successo allo scomparso Giuliano Caronno, collaboratore dei frentani e volto storico nel panorama calcistico locale. La decide, nei minuti finali, Filippo Boccanera. Buona, nonostante il risultato, la prova dei giallorossi di Vecchiotti. In finale, però, vanno La Selva e compagni.
La cronaca della gara porta alla prima occasione dopo pochi istanti. Minuto 6, Opara fa subito gli straordinari su un colpo di testa di Cianci ben assistito da La Selva. Lanciano che tiene bene il campo ed è proprio Andrea La Selva, poco dopo la metà della prima frazione, a cercare la rete per due volte: nella prima, un difensore mura, nella seconda calcia al volo ma tra le braccia dell’estremo ospite. I ragazzi di Del Grosso, col passare dei minuti, concedono spazio ai casalesi, che sprecano il pallone del possibile 1-0 quando Bangura, al 41′, arriva davanti a Di Vincenzo ma manda alto. Impreciso, poco più tardi, anche il compagno di squadra Coffie. Grande finale di frazione: prima Boccanera prova a risolvere una mischia ma trova la deviazione del portiere, poi, dall’altra parte, Piccolo fa tremare i frentani con un tiro ben piazzato che si stampa contro il palo. Parità all’intervallo, ma non senza emozioni ed occasioni. Nonostante qualche accorgimento tattico di mister Del Grosso, il Lanciano lascia al Casalbordino la prima chance della ripresa, ma il tiro di Bangura è facile preda di Di Vincenzo. Al quarto d’ora riecco i rossoneri, con un tiro di Cianci debole e bloccato da Opara. Il gol locale arriva al 70′, con l’imbeccata di Trisi per lo stacco di Di Gennaro che si insacca, ma è tutto vanificato dalla segnalazione di fuorigioco. Gli ospiti non temono l’avversario e si rendono insidiosi all’84’ con un fendente da fuori di Piccolo neutralizzato dal solito Di Vincenzo. Passano meno di 60 secondi e il Lanciano affonda il colpo decisivo: calcio d’angolo che trova nel mezzo Boccanera, colpo di testa che centra il palo, ma sulla ribattuta il giocatore rossonero non sbaglia e sigla il suo primo gol nell’esperienza frentana. Nel recupero, Sardella manca di un nulla il bersaglio con un tiro a giro da fuori. Finisce così, con la festa del Lanciano che riesce a spuntarla su un Casalbordino mai domo. In finale, il 25 aprile, i ragazzi del presidente Fabio De Vincentiis se la vedranno con il San Gregorio, che ha domato il Real 3C Hatria nell’altra semifinale. Nel frattempo si pensa al campionato, perché la promozione in Eccellenza potrebbe arrivare già entro i prossimi 180′.

Foto Roselli

Scritto da

Giovane aspirante giornalista sportivo. Attualmente iscritto all'Università degli Studi di Teramo, sta completando il percorso triennale presso la facoltà di Scienze della Comunicazione. Ha già diverse esperienze precedenti in alcune testate abruzzesi e non solo.

Nessun Commento

Inserisci un commento