Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/25/2019
HomeL'AquilaCultura L'AquilaL’Aquila, l’Ensemble “Ars Ludi” si esibirà domenica 17 marzo

L’Aquila, l’Ensemble “Ars Ludi” si esibirà domenica 17 marzo

DOVE

Prova di indirizzo


QUANDO

dal gg/mm/aaaa al gg/mm/aaaa


PREZZO

Inserisci il Prezzo


INFO

Sito web: www.google.it Contatti…

Torna ad esibirsi per la Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” Ars Ludi, uno dei gruppi maggiormente specializzati in Italia per l’esecuzione di perfomances musicali. L’ensemble, costituito dai tre percussionisti-attori: Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi e Gianluca Ruggeri, presenta il progetto Il corpo a percussione”, drammaturgie sonore in omaggio a Mauricio Kagel. L’appuntamento è per domenica 17 marzo con inizio alle ore 18:00 presso l’Auditorium del Parco.

La nuova musica ha visto, negli ultimi anni, un’intensa ripresa e un recupero del senso drammaturgico della scrittura compositiva, ovvero una nuova considerazione dell’azione strumentistica e, come è il caso dell’ensemble Ars Ludi, più specificatamente percussionistica, soprattutto quando ci si trova ad affrontare partiture “teatrali” che portano in una direzione quasi metamusicale.

Un ambito, questo, che racchiude la mimica, la recitazione, la gestualità, il canto, l’uso di materiali concreti, etnici e linguistici, le installazioni, il macchinismo e soprattutto la tecnologia elettroacustica e l’improvvisazione “non improvvisata”.

Per far ciò la formazione musicale d’insieme Ars Ludi ha affrontato opere diverse ma che offrissero, ciascuna, uno spazio d’elaborazione stimolante al fine di una realizzazione che fosse allo stesso tempo sonora e drammaturgica come anche poetica e visiva. Si ascolteranno “Orazi e Curiazi” di Giorgio Battistelli del 1996, “Corporel” di Vinko Globokar del 1984 e una prima assoluta di Lucio Gregoretti “La pensée savage”. Chiude il programma l’esecuzione di “Dressur” del 1977 di Mauricio Kagel.

Nessun Commento

Inserisci un commento