Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


06/05/2020
HomeUncategorizedVasto, grande successo l’incontro degli studenti con l’autore Nicola Mastronardi

Vasto, grande successo l’incontro degli studenti con l’autore Nicola Mastronardi

Molto interessante è stato l’incontro organizzato dalla prof.ssa Luigia Ciarniello, presso l’aula magna della scuola secondaria di primo grado “R.Paolucci” dell’Istituto Comprensivo 1 di Vasto, con l’autore Nicola Mastronardi – giornalista e scrittore.

Ad accoglierlo sono stati gli alunni delle quinte A e B della scuola primaria “G. Spataro” e le classi I e II B della Paolucci, che con grande attenzione hanno avuto modo di approfondire meglio i popoli italici e in particolare i Sanniti, predecessori del popolo italiano.

L’autore ha avuto modo di spiegare come la parola Italia deriva dal vocabolo osco Viteliù, che significa “terra dei vitelli”, con riferimento agli allevamenti di questi animali che esistevano in Italia meridionale.”Viteliù”, poi, sarebbe stato tradotto dai romani in Italia. 

L’autore ha spiegato come i Sanniti erano non solo allevatori, ma anche guerrieri e conoscevano le regole di convivenza civile e pacifica, già prima di noi. Ha parlato anche del suo romanzo storico “ Viteliú. Il nome della libertà”, divenuto un caso letterario grazie al passaparola dei lettori, aggiudicandosi la vittoria di diversi concorsi letterari. Il libro è un viaggio nel mondo dei popoli italici: i valorosi dodici popoli dell’appennino centrale che si unirono per costruire il loro sogno di libertà contro la prepotenza romana. Un sogno temporaneamente infranto da Lucio Cornelio Silla che operò un vero massacro dell’etnia sannita. Un viaggio, dunque, avvincente ed emozionante alle radici stesse della nostra identità nazionale.

Gli studenti sono rimasti affascinati anche delle gesta del protagonista di “Viteliù”, il diciassettenne Marzio amante della libertà e del territorio dove viveva.

Nessun Commento

Inserisci un commento