Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


05/25/2019
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaOperazione antidroga “Call-off”, ben 1400 casi di spaccio scoperti

Operazione antidroga “Call-off”, ben 1400 casi di spaccio scoperti

Nel corso della mattinata odierna, i militari della Compagnia Carabinieri di Avezzano, con l’ausilio delle Unità Cinofile dei Carabinieri di Chieti e la collaborazione del personale della Compagnia Carabinieri di Teramo, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 15 persone (8 in carcere, 6 ai domiciliari ed 1sottoposto all’obbligo di dimora), emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Avezzano su richiesta del Procuratore della Repubblica di Avezzano, dott. Andrea Padalino, che ha coordinato le indagini condotte dai Carabinieri di Avezzano. Tutti sono ritenuti responsabili della violazione di cui agli artt. 110, 81 c.p. e 73, comma 1 del D.P.R. nr.309/90.

In particolare, agli inizi del mese di marzo 2018, il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avezzano acquisiva concreti elementi investigativi nei confronti di tre soggetti di etnia magrebina, abitanti in Avezzano, risultati essere attivi spacciatori di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e hashish.

Nel corso dei numerosi e prolungati servizi di osservazione, controllo e pedinamento, eseguiti nei confronti dei predetti stranieri, protrattisi per diversi mesi, venivano identificati ulteriori soggetti, tutti di nazionalità marocchina, anch’essi coinvolti a vario titolo nell’illecita attività di spaccio nei confronti di giovani residenti nella Marsica.

L’attività investigativa del suddetto Nucleo Operativo e Radiomobile, sviluppatasi  da marzo a giugno 2018, permetteva di individuare un preciso modus operandi utilizzato dagli odierni indagati che, con il metodo del passaparola, avevano diffuso fra i giovani tossicodipendenti marsicani alcune utenze telefoniche, contattando le quali potevano essere fatte richieste di ordinativi di sostanze stupefacenti, in prevalenza cocaina e hashish, che venivano subito dopo soddisfatte.

È stato così delineato un vero e proprio sistema di just drug, in cui, di volta in volta, pusher ed acquirente concordavano telefonicamente i luoghi di incontro per le cessioni dello stupefacente, secondo uno schema preciso, definito dallo stesso Gip “continuativo” e “professionale”.

L’intero impianto accusatorio è sostenuto anche dai riscontri oggettivi che, nel periodo d’indagine, hanno consentito il sequestro di circa 30 dosi (ca. gr.0.40/una) di sostanza stupefacente del tipo cocaina, di circa gr.130 di analoga sostanza stupefacente ancora da confezionare e di circa gr.850 di sostanza stupefacente del tipo hashish. Inoltre, in fasi e momenti diversi dell’indagine, sono stati tratti in arresto tre soggetti in flagranza di reato, deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano nove individui, nonché segnalati alla Prefettura di L’Aquila 5 giovani assuntori.

L’illecita attività posta in essere dagli indagati nel periodo di indagine ha fatto registrare circa 1.400 cessioni di dosi di stupefacenti, ad un prezzo medio di vendita di € 40 a dose.

L’attività investigativa eseguita si inserisce in una più ampia pianificazione operativa volta alla prevenzione ed alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti disposta nella provincia dal Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila.

Nessun Commento

Inserisci un commento