Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


08/24/2019
HomeTeramoPolitica TeramoFratelli d’Italia Torano Nuova: “Il feudo di Pepe continua a vacillare”

Fratelli d’Italia Torano Nuova: “Il feudo di Pepe continua a vacillare”

Il circolo Fdi Torano Nuovo:

Il partito democratico di Torano Nuovo ha sprecato ancora volta un’occasione per fare bella figura. Il crollo elettorale del consigliere Pepe è evidente e lapalissiano cosi come il dato percentuale del Pd non rispecchia minimamente la realtà politica locale-commenta il circolo FDI di Torano nuovo-dai 719 voti del 2014 ottenuti da Dino Pepe ai 447 di questa tornata elettorale il crollo di consensi è incontrovertibile. In mezzo poco piu di 400 voti quando si è candidato alle politiche lo scorso 4 marzo dove ha svolto una campagna elettorale incentrata sulla sua persona-sottolinea-alla luce di questo il crollo di consensi è proprio incentrato sulla persona e sul suo operato. Un crollo di consensi dovuto probabilmente anche al malcontento per l’attività di una amministrazione comunale voluta e sostenuta da Pepe.Un crollo di consensi dovuti al fatto che in questi 5 anni Torano Nuovo è rimasto fermo al palo. Nessuna programmazione di rilievo, nessuna progettazione, nessun miglioramento e soprattutto nessun cantiere aperto per migliorare la nostra realtà – aggiunge – tutte le promesse fatte 5 anni fa da Pepe e dal sindaco Di Giacinto sono rimaste tali e per questo Torano Nuovo ha punito elettoralmente Dino Pepe quasi dimezzandone il consenso.
Invitiamo il sindaco che dichiara che il legame tra comune e regione ha prodotto investimenti nel nostro comune di togliersi la divisa politica e di essere,come lo è in privato,onesto con la cittadinanza esprimendo le sue rimostranze proprio verso una scarsa considerazione della regione per il nostro paese. Se poi consideriamo importanti investimenti la sistemazione della frana di Villa Bizzarri finanziata con fondi fas ereditati dalla Giunta Chiodi e qualche rattoppo di asfalto allora non possiamo lamentarci se poi il consenso e l’apprezzamento del popolo calano vorticosamente-conclude-la realtà è ben diversa da quella prospettata dal segretario del Pd locale e i numeri ne segnano impietosi l’incedere verso una disfatta personale e politica, proprio nel suo paese”.

Nessun Commento

Inserisci un commento