Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


10/23/2019
HomeCalcioEccellenza, insidiosa trasferta per lo Spoltore contro un mai domo Cupello

Eccellenza, insidiosa trasferta per lo Spoltore contro un mai domo Cupello

La partita si disputerà in terra teatina e metterà di fronte due squadre dure da abbattere

Per la ventiseiesima giornata del campionato di Eccellenza il Cupello ospita l’ambizioso Spoltore, squadra in piena lotta per la conquista di un posto nei Playoff. Sfida interessante tra squadre galvanizzate dagli ottimi risultati conseguiti nell’ultimo turno. I Celeste Granata di Mister Ronci hanno travolto 4-0 in casa l’Amiternina raggiungendo il quinto posto in classifica, occupato in coabitazione con il Capistrello. I Rossoblù di Carlucci, dal canto loro, si sono resi protagonisti di una vera e propria impresa imponendo il pareggio interno a reti inviolate alla capolista Chieti e confermando l’ottimo momento di forma che li vede imbattuti da ben sei gare. Esame importante per lo Spoltore, chiamato ad invertire l’andamento fin qui deludente tenuto nelle gare esterne che hanno fruttato soltanto undici dei quaranta punti conquistati. Per ottenere l’obiettivo, gli ospiti faranno leva sulla forza d’urto del proprio attacco, tra i più prolifici del girone con 48 reti realizzate, anche se dovranno rinunciare all’apporto di un elemento fondamentale quale Di Pentima fermato dal Giudice Sportivo per un turno. Al cospetto dei più esperti avversari la giovane compagine di casa si presenterà senza particolari assilli di classifica forte dei 34 punti che la collocano in una posizione di classifica piuttosto tranquilla ed andrà alla ricerca del quinto successo casalingo stagionale che le permetterebbe di fare un passo molto importante verso l’obiettivo della salvezza. L’incontro si disputerà sul terreno del Comunale di via Togliatti con inizio alle ore 15 e sarà diretto dal signor Emanuele Varanese di Chieti assistito da Matteo D’Orazio di Teramo e Diego Carnevale di Avezzano.

Paolo Pompei

Nessun Commento

Inserisci un commento