Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


07/19/2019
HomeUncategorizedTeatro dei Marsi, in scena lo spettacolo “Sogno di una notte di Mezza Estate” dal capolavoro di W. Shakespeare

Teatro dei Marsi, in scena lo spettacolo “Sogno di una notte di Mezza Estate” dal capolavoro di W. Shakespeare

Andrà in scena domenica 17 febbraio 2019 alle ore 17:00 lo spettacolo teatrale “Sogno di una notte di Mezza Estate” – con Daniele Aureli – Enrico De Meo – Greta Oldoni – Valentina Renzulli drammaturgia e regia Beatrice Ripoli, maschere a cura di Beatrice Ripoli luci Pino Bernabei, Luigi Proietti – presso il Teatro dei Marsi, per la settima edizione de “La domenica delle favole”. Il re e la regina delle fate, Oberon e Titania, litigano come al solito e portano scompiglio nella vita pacifica del bosco. Puck e Fiordipisello, fedeli servitori dei regnanti, vivono l’incanto della scoperta dell’amore e, loro malgrado, vengono coinvolti nel litigio dei sovrani. Grazie al potere magico di un fiore fatato, la pace sta per essere ristabilita, quando l’improvviso sopraggiungere nel bosco di due coppie di esseri umani, distrae gli esseri magici dalle loro faccende.  Dopo qualche “errore” di Puck, che complica ancor più l’intricata vicenda, l’amore torna a trionfare nel cuore di tutti e l’armonia a regnare nel bosco.

La messa in scena mette in evidenza soprattutto gli aspetti magici della commedia shakespeariana e la contraddittorietà di situazioni ed emozioni vissute dai protagonisti. Il dubbio dei personaggi, sul quale spesso ci interroghiamo tutti noi, su cosa sia reale o cosa non lo sia, è affrontato in modo leggero e divertente.  Rappresenta, dunque, un’occasione per consentire la conoscenza anche ai più piccoli di questo classico del teatro mondiale.

La commedia del “Bardo”, facendo leva sul potere dell’immaginazione, che rende capaci di immedesimarsi senza perdersi in situazioni in cui i confini tra sogno e realtà sono sfumati, suggerisce che siamo noi e noi soltanto, a poter scegliere cosa sia reale e cosa non lo sia nell’atto di creare la nostra identità di fronte al mondo.

Nessun Commento

Inserisci un commento