Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/11/2018
HomeMarsicaCronaca MarsicaCelano, il prossimo 3 Dicembre via al “Cammino diocesiano delle confraternite”

Celano, il prossimo 3 Dicembre via al “Cammino diocesiano delle confraternite”

Sabato 3 dicembre, a Celano, si terrà il Primo Cammino diocesano delle confraternite, un evento rilevante per la diocesi di Avezzano, segno di condivisione e di fedele appartenenza delle Confraternite alla Chiesa locale.

Sabato 3 dicembre, a Celano, si terrà il Primo Cammino diocesano delle confraternite, un evento rilevante per la diocesi di Avezzano, segno di condivisione e di fedele appartenenza delle Confraternite alla Chiesa locale.

L’appuntamento per gli aderenti delle 60 confraternite marsicane è alle 9, con il raduno delle Confraternite presso la Chiesa Madonna delle Grazie di Celano. Alle 9, 30 la relazione del vescovo Pietro Santoro su “Le confraternite: profezia di fede e di carità nella Chiesa locale”.  Alle 10,30 il Cammino per le vie della città, nei caratteristici abiti tradizionali, e alle 11,30 la Santa Messa presieduta dal vescovo nella chiesa della Madonna del Carmine. L’evento è stato organizzato, con impegno e passione, dal responsabile diocesano delle confraternite, don Vincenzo Piccioni, coadiuvato da Francesco Lucarelli, segretario del Consiglio diocesano delle confraternite.

«Questo è il primo raduno diocesano delle confraternite – racconta don Vincenzo Piccionie ci rende fieri del lavoro fatto. L’obiettivo è stato quello di riunirci per valorizzare ogni realtà parrocchiale alla luce di un cammino diocesano ad ampio respiro pastorale. L’impegno delle confraternite, eredi di una antica e feconda storia, è quello di continuare a testimoniare l’annuncio del Vangelo con la pratica concreta della carità, a servizio della Chiesa».

Le confraternite celebreranno anche il decimo anniversario di ordinazione del vescovo Pietro, rendendo grazie al Signore per la sua presenza pastorale nella nostra chiesa locale. Il vescovo, durante l’incontro, approverà lo statuto di ciascuna confraternita, segno di fiducia e di rinnovata speranza nel servizio distintivo che svolgono i confratelli nella chiesa e nella società. Una trama di fede e di solidarietà.

Nessun Commento

Inserisci un commento