Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/13/2017
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaPiccoli comuni, il Senato approva il DDL, l’Abruzzo sorride.

Piccoli comuni, il Senato approva il DDL, l’Abruzzo sorride.

Una boccata d’ossigeno per le tante piccole realtà della nostra Regione e non solo; primo Firmatario è l’Onorevole Ermete Realacci, del Partito Democratico

Approvato ieri, 28 settembre, il cosiddetto “DDL dei piccoli comuni” riceve l’approvazione del Senato, con una percentuale da elezione bulgara, vi saranno infatti solamente due astenuti a fronte dei 205 voti favorevoli.

Il presidente dell’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI), Antonio Decaro, afferma che si tratta di «una legge contro lo spopolamento», definendola «agenda controesodo»; l’Onorevole Ermete Realacci (PD), primo firmatario del disegno di legge che porta il suo nome, afferma che si batterà affinché in sede Legge di bilancio si arrivi ad ottenere più risorse. Questa nuova legge prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro da assegnare ai Comuni che non superano i 5000 abitanti (che sono in tutta Italia 5.591) nell’arco di tempo che va dal 2017 al 2023; tra le varie destinazioni di questi fondi troviamo la diffusione della banda larga, il recupero dei centri storici e degli edifici abbandonati (ad esempio stazioni e case cantoniere), al fine di evitare lo spopolamento, oltre alla cura del territorio, con particolare attenzione alle zone a rischio idrogeologico, alla manutenzione stradale ed alla promozione del turismo con l’apertura tra l’altro di sentieri ed itinerari gastronomico-cuturali.

Una legge che deve essere accolta dall’Abruzzo nel migliore dei modi, dato che solo nella nostra Regione si contano 249 “piccoli comuni” (centri che contano meno di 5000 abitanti), a fronte di 305 comuni totali; più dell’80% quindi, in cui vive il 25% della popolazione abruzzese. Una percentuale per nulla indifferente di uomini e donne che ora magari potranno sentirsi meno abbandonati, nei loro borghi dalla storia antichissima, o nei piccoli centri immersi all’interno dei Parchi Nazionali. Una boccata di ossigeno puro per le Amministrazioni Comunali che finalmente potranno mettere in atto progetti che fino a poco tempo fa vedevano come utopie lontane.

Antonio Legnini

Nessun Commento

Inserisci un commento