Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/14/2017
HomePescara ChietiCulturaA Pescara ripartono i corsi di Bibliodrammattica: i concorsi creativi incontrano la Bibbia

A Pescara ripartono i corsi di Bibliodrammattica: i concorsi creativi incontrano la Bibbia

A partire dal prossimo ottobre riprenderanno i corsi della Scuola-Laboratorio di Bibliodrammatica, il progetto innovativo sui linguaggi espressivi che incontrano le Sacre Scritture 

A partire dal prossimo ottobre riprenderanno i corsi della Scuola-Laboratorio di Bibliodrammatica, il progetto innovativo sui linguaggi espressivi che incontrano le Sacre Scritture che la Diocesi di Pescara (UCD) ha attivato già da alcuni anni, come segno di ricerca e di approccio alla cultura contemporanea.

Il progetto è triennale: in particolare, sono aperte le iscrizioni al nuovo primo annoLinguaggio biblico e linguaggi espressivi“. 

Beniamino Cardines, direttore artistico: “Si tratta di aprire-aprirsi a una esplorazione, come ricerca originale che entri nella Bibbia e coinvolga attraverso la Bibbia verso la produzione di eventi contemporanei. Un Laboratorio espressivo che diventa luogo di aggregazione, di condivisione, di progettazione e produzione di eventi culturali legati alle tematiche bibliche”.

don Fernando Pallini, supervisor biblico: “Vogliamo proporre una Parola di Dio sempre viva, verso nuove vie che conducano il linguaggio biblico all’oggi facendone una proposta attuale. Daremo ai partecipanti gli strumenti necessari per poter esprimere attraverso la Bibbia la loro sensibilità creativa e allo stesso tempo intercettare e valorizzare quella altrui”.

Dunque un percorso, un cammino, ma soprattutto un progetto pedagogico creativo che vuole affiancare la crescita culturale e spirituale, proponendosi come esperienza formativa organizzata in forma di laboratorio espressivo.

Formare a una creatività consapevole, attraverso i linguaggi artistici e comunicativi, e alla possibilità di evangelizzare attraverso una cultura sempre contemporanea a una Bibbia sempre per oggi.

Papa Francesco: “L’evangelizzazione riconosce gioiosamente queste molteplici ricchezze che lo Spirito genera nella Chiesa. Non farebbe giustizia alla logica dell’incarnazione pensare ad un cristianesimo monoculturale e monocorde. Sebbene sia vero che alcune culture sono state strettamente legate alla predicazione del Vangelo e allo sviluppo di un pensiero cristiano, il messaggio rivelato non si identifica con nessuna di esse e possiede un contenuto transculturale”.

Info: 339.5223285

Nessun Commento

Inserisci un commento