Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/15/2017
HomeCalcioPescara Calcio, il Delfino pareggia 3-3 nell’anticipo con il Frosinone

Pescara Calcio, il Delfino pareggia 3-3 nell’anticipo con il Frosinone

Due punti buttati per i ragazzi di Zeman che dopo il vantaggio di tre gol si sono fatti rimontare dagli ospiti. Finisce 3-3 con l’amaro in bocca.

Prestazione alla Dr.Jekyll e Mr.Hyde quella del Pescara, che passa in vantaggio per 3-0 grazie alla tripletta di un immenso Stefano Pettinari, prima di farsi rimontare nell’ultima mezz’ora di gioco. Un classico, in realtà, per le squadre che riflettono il pensiero zemaniano: nonostante la grande mole di gioco costruita in avanti, infatti, il Delfino non riesce a trovare un’organizzazione decente dal centrocampo in giù. Si conferma inaffidabile, ancora una volta, la coppia difensiva Coda-Perrotta, autrice di tre prestazioni ampiamente insufficienti in questo avvio campionato; anche ieri i due hanno sofferto contro un centravanti del calibro di Daniel Ciofani, troppo libero di giocare la palla spalle alla porta e far salire la squadra, giocata da non concedere mai quando si è in vantaggio e si vuole amministrare il gioco. La domanda a questo punto sorge spontanea: perché non puntare su Fornasier o Bovo? Elogio a parte lo merita Stefano Pettinati, ancora una volta impeccabile sotto porta e già pronto a sostituire Immobile e Lapadula nel cuore dei tifosi abruzzesi.

Il punto guadagnato lascia l’amaro in bocca per come si era messa la partita, ma bisogna sottolineare il calibro dell’avversario: in Serie B, infatti, il Frosinone è probabilmente la squadra più attrezzata sia da un punto di vista tecnico che caratteriale.

La cronaca. Pronti-via ed è gia 1-0: Benali allarga il gioco per Nando Del Sole, che crossa dove arriva un Pettinari lesto ad insaccare alle spalle dell’incolpevole Bardi. Gol del vantaggio e Pescara che, come contro il Foggia, abbassa i ritmi. Camillo Ciano fornisce l’antipasto di quella che sarà la serata frusinate, centrando due legni con due tentativi dalla distanza; Ariaudo, pochi minuti dopo, colpisce anche la traversa con una capocciata a porta sguarnita. Pescara che perde l’equilibrio e accusa. Il centrocampo è incapace di tenere alto il baricentro, il pari dei laziali sembra ormai prossimo, ed invece al 39′ è ancora Del Sole a fornire l’assist a Pettinari che realizza il 2-0. Nel corso del recupero del primo tempo, riuscendo a battere in porta sul primo palo, l’ex-Roma firma addirittura la tripletta che vale il 3-0.

Nel secondo tempo, il Pescara scende in campo poco concentrato, sottovalutando le capacità di rimonta dei ciociari. I gialloblù non si fanno pregare ed aprono le danze di una rimonta incredibile con la punizione dell’ispiratissimo Camillo Ciano. È ancora lui a raddoppiare, a tu per tu con Pigliacelli, completamente dimenticato dalla difesa biancazzurra. Al 72′ c’è spazio per la perla di Ciofani, che dal limite scarica un siluro al volo: il pallone sorvola il povero portiere di casa e si infila alle sue spalle: è il clamoroso 3-3. Ci sarebbe tempo addirittura per l’ennesima accelerazione del Frosinone e per il 3-4 che avrebbe reso da incubo la seconda di Zeman all’Adriatico, ma l’arbitro Sacchi annullando chiamando un fuorigioco inesistente.

Finisce così 3-3, in uno Stadio Adriatico non del tutto entusiasta dell’inizio di campionato del Delfino.

TABELLINO

Reti: 4’, 39’, 45’ Pettinari (P), 56’, 61’ Ciano, 72’ Ciofani (F)

Pescara (4-3-3): Pigliacelli; Crescenzi, Coda, Perrotta, Mazzotta; Coulibaly, Proietti (71’ Carraro), Brugman (C) (86’ Kanouté); Del Sole, Pettinari, Benali (71’ Baez).

Frosinone (3-5-2): Bardi; Terranova, Ariaudo, Krajnc; Paganini (37’ Frara), Gori, Maiello (90’ Besea), Sammarco, Beghetto; Ciano (86’ Citro), Ciofani (C).

 

Gianluca De Vincentis

Nessun Commento

Inserisci un commento