Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/13/2017
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaLibri scolastici gratis per gli studenti terremotati

Libri scolastici gratis per gli studenti terremotati

Verranno distribuiti gratuitamente i testi scolastici previsti per le scuole medie e superiori, per oltre 1500 studenti colpiti dal sisma

La distribuzione è giunta a buon fine grazie a un accordo previsto dal 2016 tra editori, librai e il Ministero dell’Istruzione. A coordinare l’operazione, cui ha dato la piena disponibilità, è il libraio Alfredo Murgo- sindacalista di categoria titolare del punto vendita Il cercalibro.

Al Ministero sono venuti a conoscenza del fatto che era stato proprio Murgo nel 2009 a occuparsi di un’operazione simile nell’Aquilano e conseguentemente è stato convocato al fine di  trovare una quadra. Il progetto si è svolto attraverso diversi incontri con il presidente nazionale, Paolo Ambrosini, e la collega delle Marche, Annalisa Del Monte.

Si è stabilito che i libri potevano essere dati gratis a chi ha perso la casa o i genitori, insomma gli studenti che si trovano in oggettiva difficoltà – ha dichiarato – La platea, così, si è ridotta a 1.500 ragazzi che hanno ricevuto un coupon per prenotare e ritirare i propri volumi nelle librerie di quattro regioni: quasi tutte hanno dato disponibilità a quest’attività che, va sottolineato, è del tutto gratuita. Ora siamo quasi nella fase di invio dei libri, questa settimana cominceranno – annuncia – Per quanto riguarda l’Abruzzo, nel Teramano ci sono oltre 200 alunni per 18 Comuni, in provincia dell’Aquila circa 50 su 6 Comuni. Comunque per ragioni organizzative anche Amatrice è stata accorpata a L’Aquila e saremo noi a portarli. il ruolo fondamentale delle librerie sul territorio, nessun altro ha questa forma di distribuzione capillare come noi. Il Miur si fa mediatore, gli editori regalano i libri, noi li forniamo – riassume – Nel caso di Amatrice, il punto di raccolta sarà la cartoleria, dove tutti andranno, come funziona in una comunità normale.”

Nessun Commento

Inserisci un commento