Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/12/2017
HomeMarsicaAvezzano, polemica sull’addetto stampa comunale. Di Pangrazio: “Assunto al posto dei vigili!”

Avezzano, polemica sull’addetto stampa comunale. Di Pangrazio: “Assunto al posto dei vigili!”

Avezzano Giovane, lista in appoggio a Giovanni Di Pangrazio, attacca il Sindaco De Angelis: avrebbe assunto un altro comunicatore, rinunciando invece ad agenti di polizia e tralasciando i posti per disabili

Si scopre oggi l’amaro  ‘regalo’ di Ferragosto fatto alla Città dall’Amministrazione De Angelis. Con atto nr. 252 del 11/08/2017, infatti”, spiega Cristian Carpineta, consigliere eletto nella lista Avezzano Giovane con Giovanni Di Pangrazio, “La Giunta ha bloccato l’assunzione di agenti di polizia locale  aggiuntivi, deliberando allo stesso tempo anche  il taglio di due posti di lavoro destinati a due giovani laureati da impiegare all’Urp, nonché il taglio di un posto di lavoro destinato a disabili, che sarebbe andato ad agevolare un cittadino svantaggiato in più rispetto alle quote previste dalla legge, come anche il taglio di un posto per un Geometra destinato al cruciale ufficio tecnico. A fronte di queste ‘sforbiciate’, la maggioranza pro tempore ha stabilito l’assunzione di un addetto stampa – in aggiunta a due figure già di fatto impegnate nella comunicazione – che costerà  ben 32.280 euro per il 2018, stessa cifra per il 2019, più 8.070,00 euro per 2 mesi del 2017, essendo la data di inizio attività prevista per il 1° ottobre, per un totale di 72.630 euro! La spesa sostenuta dalla precedente amministrazione per l’addetto stampa uscente, è stata, dal 2014, di circa 8000 euro annui. Tra l’altro, i requisiti indicati per l’individuazione della figura, ad esempio quello che privilegia l’anzianità di iscrizione all’Albo professionale, potrebbero sembrare tracciati ad hoc per accontentare qualcuno che si è prestato in campagna elettorale e che già frequenta abusivamente da ‘addetto ai lavori’  il Palazzo di Città.  Il tutto, ancora raccontando la bugia dei tagli operati alle spese: ovviamente falsi, in quanto il dato presentato è attinente solo a pochi mesi del 2017, mentre per gli anni 2018 e 2019 la spesa lieviterà a circa 221.000 euro. La delibera di rimodulazione è stata adottata per “Fronteggiare immediate e prioritarie esigenze per il raggiungimento degli obiettivi di questa amministrazione”. É evidente che tra le priorità di questa Amministrazione la sicurezza in città, il decoro urbano, l’impiego attivo con il contestuale sostegno di persone svantaggiate, l’impiego di giovani preparati che avrebbero aiutato i cittadini a orientarsi e a fruire al meglio dei servizi del Comune, non siano certamente ai primi posti, e siano sacrificabili a differenza di comunicatori che, probabilmente, serviranno ad ammantare di belle parole l’inconsistenza dell’azione amministrativa della Giunta De Angelis. Le ‘sbraciate’ sui marciapiedi, gli  accampamenti in piazza Torlonia, il degrado sempre più evidente e la cappa di silenzio calata su questioni cruciali per il nostro territorio sono eloquenti e preoccupanti, ma alle necessità e alle preoccupazioni dei cittadini De Angelis risponde ancora alzando cortine di fumo, dimenticando che le bugie hanno le gambe corte”.

Questo, con le parole di Cristian Carpineta, il comunicato stampa giunto in redazione in merito al dibattito sull’ulteriore addetto stampa assunto da De Angelis.

Nessun Commento

Inserisci un commento