Invia alla redazione

Centralmente è il tuo quotidiano, entra a farne parte!

Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale.


12/13/2017
HomeL'AquilaCronaca L'AquilaL’Aquila, la questione sulla scuola diviene dibattito tra Biondi e Masciocco-Mancini

L’Aquila, la questione sulla scuola diviene dibattito tra Biondi e Masciocco-Mancini

Risultano essere 300 mila- insieme ai 144 mila già impegnati a dicembre 2016- i fondi destinati al bilancio comunale per la verifica della sicurezza nelle strutture scolastiche

Il sindaco Pierluigi Biondi ha dichiarato: “Gli incarichi relativi alle prime dieci scuole sono stati tutti  affidati e sono già state eseguite le indagini e le relazioni geologiche, mentre sono in corso tutte le prove sui materiali. Contavamo di avere i risultati prima dell’apertura delle scuole ma, a causa di lungaggini burocratiche legate agli affidamenti, li avremo solo a fine settembre. Per le restanti undici scuole sono in corso le  procedure di affidamento di incarico, per i quali sono disponibili  300mila euro ma solo dal 13 aprile scorso, data di approvazione del  bilancio”. Dopo aver in parte dato la colpa alla precedente amministrazione per la mancata sistemazione in seguito alle verifiche antisismiche, Giustino Masciocco e  Angelo Mancini (rispettivamente responsabili di Articolo Uno e della sicurezza) controbattono: “Il sindaco annuncia lo stanziamento, per le verifiche degli edifici, di 300mila euro avvenuto nell’aprile scorso, di 720mila euro per interventi prioritari di adeguamento degli edifici scolastici, e di una ulteriore richiesta di 1 milione 300 mila euro da destinare alle scuole per le quali risulterà un indice di vulnerabilità inadeguato, badate bene, tutti stanziamenti effettuati dalla precedente amministrazione, però Biondi lo dice solo ora che è stato eletto, se ne è ben guardato di dichiararlo in campagna elettorale. A questo si aggiunge l’annuncio, sempre durante la campagna elettorale, relativo all’abbattimento e alla ricostruzione di edifici scolastici senza, però, indicarne il luogo, le somme necessarie e le fonti di finanziamento, la verità è che ad oggi, per interventi di adeguamento, abbiamo disponibili solo 720mila euro, peraltro stanziati da Cialente, non si riesce a capire dove saranno trovati gli 80milioni di euro necessari”.

Infine Masciocco e Mancini concludono: “nonostante i proclami e le promesse assurde effettuate in campagna elettorale, i nostri ragazzi, gli insegnanti ed il personale Ata, di ogni ordine e grado, inizieranno l’anno scolastico 2017/2018 negli stessi edifici dove hanno concluso il precedente 2016/2017, da una persona che ricopre una così importante carica pubblica ci si aspetterebbe una maggiore onestà intellettuale. Vorremmo che Biondi rispondesse a queste semplici domande invece che preoccuparsi del pudore altrui, ricordandogli che i consiglieri comunali eletti hanno pari dignità politica e che le aquilane e gli aquilani, il 25 giugno, hanno eletto un Sindaco, non un Podestà, ma non si preoccupi, se dovesse dimenticarlo, glielo ricorderemo ogni qualvolta sarà necessario”.

Nessun Commento

Inserisci un commento